Navigate / search

Chiarimento medico

Mi rendo conto che quello che sto per dire potrebbe risultare un concetto assai destabilizzante per una parte (esigua) dei miei lettori maschili, ma, a quelli che mi scrivono via mail: “Ma qualcuno ti scrive i testi?” ” Non ci credo che il blog sia farina del tuo sacco!” “Non è possibile che quelle cose divertenti le scriva tu da sola!” “Non credevo che una così potesse anche essere tanto arguta!” vorrei semplicemente spiegare che quelle che ho sul davanti sono delle semplici e comunissime tette, NON grumi che impediscono l’afflusso del sangue al cervello . 🙂 ++

Vicissitudini da sala parto

Martedì alle ore dieci della mattina , nel picco della fase rem del mio sonno, squilla il telefono di casa che per me, a quell’ora , ha lo stesso effetto tranquillizzante di una sirena antiaerea. Come ho già spiegato qualche post fa , ho proibito tassativamente a tutti i miei conoscenti di comporre il mio numero prima delle undici e mezzo (anche chi sbaglia numero a casa mia lo fa rigorosamente dopo mezzogiorno), tranne che per comunicarmi eventi veramente eccezionali e decisivi per le sorti del pianeta quali:– Marco Liorni ti sta aspettando sotto casa con due biglietti per le Maldive,un anello Trinity di Cartier in mano e il cardinal Ruini sottobraccio che vi unirà in matrimonio seduta stante. Testimoni Daria Bignardi e Mascia del Grande fratello. – Hanno scarcerato Donato Bilancia perchè ci sono pesanti indizi a tuo carico. – Ciampi ha letto il tuo blog e ha annunciato alla nazione che quest’anno il discorso di fine anno a reti unificate lo farai tu. – Biscardi ha azzeccato un congiuntivo. un asteriode è in rotta di collisione con la terra e il fatto drammatico è che c’è il rischio che il punto d’impatto sia il set di Beautiful.( ma tanto, al contrario dei dinosauri che si sono estinti, la famiglia Forrester continuerebbe a copulare e riprodursi anche dopo una regressione da esseri umani ad acido nucleico) – c’è un numero di Novella 2000 in edicola con un servizio fotografico che mostra inequivocabilmente che : a Manuela Arcuri sono scese le tette e ora ci palleggia come se niente fosse, Julia Roberts ha una parodontite cronica che le ha regalato un sorriso che manco il teschio dell’ominide fossile Lucy, Martina Stella ha perso l’orientamento sul raccordo anulare e a forza di girare in modo uniforme e concentrico ha aperto uno squarcio spazio-temporale che l’ha fatta invecchiare all’istante di 70 anni. – Marco Liorni si è graffiato il pollice sinistro aprendo una scatoletta di tonno Star e si ha urgente bisogno di una una sacca di sangue 0 rh negativo da sei litri e mezzo diluito in sciroppo d’amarena con ombrellino e scorza di limone. Esclusi questi eventi di carattere ECCEZIONALE qualsiasi chiamata prima delle undici e mezza è da me ritenuta gravemente lesiva dei miei diritti fondamentali di letargia, ozio e fancazzismo. Perciò, quando l’altra mattina ho alzato la cornetta con l’affabilità di un’anaconda strangolatrice e la mia amica Silvia mi ha detto: “Selvà, scusa per l’ora ma stanotte alle tre ho avuto le prime contrazioni e ora sono lì lì per partorire…” la prima cosa che ho pensato di dirle è stata : “Silvia,come tutti i miei amici, hai avuto anche tu la copia ciclostilata con l’elenco degli unici sei punti che mi rendono tollerabile una telefonata a quest’ora del mattino e “la tua migliore amica è in sala ostetricia che sta partorendo” è un argomento non incluso , per cui richiamami almeno quando è uscita la testa, d’accordo??? Pronto? Silvia ? Stavo scherzando!” “A Selvà, è un affettuoso consiglio da quasi madre quello che mi accingo a darti: ma vaffanculo!” “Si intende questo per gravidanza isterica? Dai Silvietta ora mi vesto e mi precipito, ma sappi che con ogni probabilità, per via dell’inclinazione perpendicolare dei raggi solari del mattino a me praticamente sconosciuta , è certo che mi riempirò di pustole e,te lo devo dire, esiste anche l’ipotesi estrema che per via dell’intensità della luce mi sbricioli come un vampiro e non conosca mai tuo figlio.” ” Stiamo partorendo tutt’e due , io un figlio, tu una serie interminabile di stronzate.Cos’è, il tuo modo per esprimermi solidarietà? Ora se permetti mi trovo nella simpatica situazione di far uscire una cosa di 50 centimetri circa da un foro di tre centimetri circa, e ti garantisco che la cosa IN ENTRATA potrebbe anche risultare piacevole, ma in uscita non lo è altrettanto, D’ACCORDO???” Insomma, mi sono precipitata all’ospedale di Tarquinia un po’ emozionata per Silvia e un po’ emozionata nel vedere che alle undici del mattino c’è un sacco di gente già sveglia e, soprattutto, in grado di formulare discorsi di senso compiuto.Stavo diventando “zia” e questo mi faceva sentire incredibilmente vecchia e quel bambino stava nascendo grazie ad un incontro , nove anni fa, di cui ero stata io l’artefice, e questo mi faceva sentire immensamente orgogliosa. Non appena ho messo piede nella corsia di ostetricia ho cominciato ad annusare l’aria con sospetto perchè mi sembrava evidente che stesse suonando l’allarme antincendio. Poi amici e parenti mi hanno spiegato che quel suono sinistro altro non era che l’ululato di Silvia , tant’è che dai monti della Tolfa sono cominciati a scendere branchi di volpi selvatiche attirate dal richiamo. E’ così che mi sono passati in un istante sonno, ironia e desiderio di maternità. Non per niente mi ci sono voluti tre giorni di camera di decompressione emotiva per raccontarvi i fatti.Ho cominciato a bloccare tutte le infermiere dall’ aria serafica che uscivano dalla stanza in cui Silvia stava emettendo i decibel degli amplificatori del concerto del primo maggio e a chiedere semplicemente: “Come va?”In questi casi, non si sa bene perchè, le risposte sono tra il tecnico e il sibillino: “Per ora c’è una dilatazione di otto centimetri!” che tu non sai se si sta parlando di Silvia o dell’infiltrazione sul tetto dell’ospedale.Man mano che il momento si avvicina poi, le risposte si fanno ancora più oscure: “Ci siamo, è in posizione!” , e tu ti chiedi se si stia semplicemente aspettando non l’ultima spinta ma l’autorizzazione della torre di controllo. Oppure: “Sta uscendo!” . E visto che la risposta “sta uscendo” è andata avanti per mezz’ora circa, il padre di Silvia ha espresso la comprensibile preoccupazione di stare per diventare il nonno di un capitone. Alle ore 14,16 si è udito il primo vagito.Alle 15, 30 ho potuto vedere Silvia che stringeva a sè un bel bimbo di quattro chili e trenta e, ho scoperto che la maternità addolcisce solo nelle leggende popolari. Silvia, dolce come un pittbull durante una gara clandestina mi fa:”Ah Selvà, non è vero un cazzo che il parto è una cosa semplice e naturale, non te fa fregà!”L’infermiera entra e invita Silvia ad allattare per la prima volta il piccolo col colostro , che è il primo latte prodotto dal seno dopo il parto. Il papà di Silvia: “Sì dai, facci vedere come gli dai il Galestro !”Insomma, s’è rischiato di svezzare ‘sto neonato col vino dei colli toscani… Benvenuto Filippo!

Scoperta del mattino

Non ho mai fatto mezza fiction, manco la caposala ne “La dottoressa Giò”, neanche la shampista ne “Il bello delle donne”, manco il ruolo di un cadavere sottoposto ad autopsia in “Valeria medico legale”…in compenso, credo di essere l’unica attrice in circolazione messa in archivio prima di essere stata mai stata utilizzata da Mediaset! 🙂

Manuale d’uso

Sistema ELettromeccanico VAGante Generalpourpose ad Intelligenza Artificiale modello LUCARELLI. Gentile Cliente US Robotics La ringrazia per la preferenza accordataci nello scegliere il nostro nuovo modello di androide a cervello positronico mod. Lucarelli. 1. AVVIAMENTO Per avviare la nostra unità si prega inviare un messaggio di posta elettronica a protocollo TCP/IP con oggetto a contenuto esplicito e/o ironico. Successivamente seguire le istruzioni che l’unità stessa fornirà di volta in volta ammesso che la ricezione sia stata ottimale. In caso di nessun riscontro insistere moderatamente. Eventuali informazioni provenienti dall’unità apparentemente incoerenti e/o di natura sorprendente derivano da normali sedimenti elettrici nei circuiti positronici e devono essere considerati parte del processo di produzione ad alta qualità. 2. INTERFACCIA ED UTILIZZO L’unità LUCARELLI è un sofisticato sistema di intrattenimento con svariate funzioni disponibili – Conversazione interessante – Conversazione moderatamente interessante – Conversazione random a concetti opposti – Sesso – Sfanculamento (per questa opzione è anche disponibile (art. mod. 123-K33 acquistabile a parte) un trimmer di regolazione intensità da MOLTO FORTE a TIFONE SUBTROPICALE) Sebbene la US Robotics notifichi che è in corso di sviluppo una versione più avanzata dell’interfaccia di scelta delle varie opzioni, attualmente NON ripetiamo NON è possibile per l’utente selezionare autonomamente l’utilizzo delle varie alternative, pertanto sarà il sistema stesso a proporre “sua sponte” i vari servizi sulla base di parametri facilmente misurabili e gestibili quali fasi lunari, ciclo periodico di revisione interna, velocità del vento al suolo, numero di fagioli nel vaso della carrà, distillazione per elettrolisi di Idrogeno ed Ossigeno. 3. LE TRE LEGGI DELLA ROBOTICA US Robotics annuncia che con l’introduzione sul mercato di questo rivoluzionario modello è stata rilasciata una versione 2.0 delle famose tre leggi della robotica: – Io non sono al tuo servizio e per ottenere qualcosa da me devi conquistartelo – Nel caso tu non lo sappia se provi a fare qualcosa di sbagliato ti disintegro – Sarò così stupenda e meravigliosa che non potrai più fare a meno di me come il respiro Tale sistema annulla e sostituisce il precedente. Si prega di tenerne conto. 4. PARAMETRIZZAZIONE AMBIENTALE E PLURALITA’ Il setup iniziale del Sistema Operativo in esecuzione all’interno dell’unità è stato così impostato in sede di fabbricazione, e NON è in alcun modo modificabile dall’utente neanche con un mitra puntato: PARAMETRO UNITA’ MISURA QUANTITA’ Intelligenza Q.I. Elevatissima quindi non mi freghi Simpatia Kilogrammi 5 miliardi di tonnellate Sensualità Calorie Punto di fusione dell’elio (senza le storie tese quello nel sole) Ironia Metri Quadrati Comparabile con l’India Rompiballe Grammi Q.B. a 100cc Piacere Litri Nilo+Tigri+Eufrate Facilità d’uso Micron Ampiamente inferiore alla distanza subatomica tra neutrini Le segnaliamo inoltre che la formula di equilibrio che ha generato questo settaggio complessivo di parametri è stato perduto in una missione su marte; rammentiamo quindi la totale planetaria ed universale SINGOLARITA’ di questo modello e L’IMPOSSIBILITA’ ASSOLUTA di ottenere sostituzioni e/o riparazioni poichè una volta terminato l’utilizzo di questo esemplare sarà TOTALMENTE IMPOSSIBILE TROVARNE UN ALTRO UGUALE NEPPURE VAGANDO PER MORDOR E LA TERRA DI MEZZO E AL LARGO DELLA COSTELLAZIONE DI ORIONE quindi caro Utente visto che non abbiamo neanche capito bene come sia stato possibile che Lei sia l’ELETTO il minimo che ci aspettiamo è che Lei Gentile Utente si prenda cura del sistema che al confronto la Sacra Sindone è un fazzoletto da tasca. WARNING Nel momento in cui si dovessero individuare uno o più dei seguenti sintomi di comportamento dell’Unità:– lampeggiamento degli specchi ottici- dilatazione delle prese d’aria di areazione interna- fuoriuscite di fumi ad alta temperatura dalle unità di campionamento acustico soprattutto successivamente all’invio di un messaggio vocale e/o per via elettronica all’unità da essa ritenuto offensivo e potenzialmente pericoloso per la coerenza interna delle applicazioni in esecuzione nel proprio Sistema Operativo si consiglia di ALLONTANARSI IMMEDIATAMENTE ALLA MASSIMA VELOCITA’ DEAMBULATORIA POSSIBILE poichè il MAA (Meccanismo Automatico di Autodifesa) potrebbe portare a reazioni violente fino all’esplosione deflagrante con diffusione di schegge shrapnel. Uomo avvisato. DISCLAIMER Il software nel firmware del dispositivo è stato collaudato ma non garantiamo possa essere esente da bugs e problemi di release. Anzi probabilmente ce n’è un mucchio. Ma se volete il buono (e sappiamo che lo volete e che ce n’è UN BEL PO’) beccatevi anche il resto. US Robotics declina ogni responsabilità per danni permanenti psicologici e/o fisici derivanti da uso improprio dell’unità LUCARELLI. Foro competente nelle isole Cayman. R. (il manuale d’uso è stato realizzato da una persona che mi conosce piuttosto bene, ve lo garantisco.

oggi mi sfogo

Non è che io ce l’abbia in modo particolare con quella soubrette lì, è che:ha una retromarcia di reggiseno l’espressività di un barometro a sifone la voce di Calimero l’arguzia di un tubero fusiforme la gestualità di un calamaro la capacità dialettica di Sbrodolina la bambola che parla due gambe tornite come ferri da uncinetto la prontezza reattiva di un’ostrica l’ironia di Freddy Kruger gli occhi di un azzurro colluttorio anticatarriale non ha mai letto più di Tuttocittà altre dieci come lei e vien voglia di resuscitare la militanza femminista. Solo che dar fuoco ai reggiseni non basterebbe, come minimo si lancia un missile terra aria sulla sede centrale di Victoria’s secrets. nel cervello ha un unico neurone galleggiante in acqua Lete E credo per giunta che il massimo della trasgressione erotica per lei sia il sesso solitario sfogliando “Cioè”.

Pioniera io?

Un articolo uscito su “L’Espresso” di questa settimana mi definisce “la pioniera del cyber begging”. Intanto, in un primo momento, non avendo la più pallida idea di cosa significasse il termine, la prima cosa che ho pensato è : mo’ questi li querelo. Poi ho letto l’articolo per intero e ho scoperto che il cyber begging è semplicemente la mania di lanciare sottoscrizioni via internet e, soprattutto, ho scoperto che in America è andata a tutti meglio che a me. Una tizia di New York che si chiama Karyn Bosnak ha saldato i suoi debiti contratti per la mania dello shopping firmato, grazie ad una raccolta fondi sul suo sito.Io continuo ad avere un guardaroba che se faccio un pacco e lo regalo ai ciechi me lo rimandano indietro.Ad oggi, grazie alla sottoscrizione, le uniche proposte serie di lavoro che mi sono arrivate sono:- un posto da segretaria in un negozio di animali ,che vabbè, alla fin fine ho le mie referenze vista la pratica fatta con attori cani .- un lavoro da grafica a me che per il disegno ho la mano felice quanto quella di Muzio Scevola. A me che ho la mano ferma quanto quella di papa Woitila e che da piccola quando giocavo all’Allegro Chirurgo il pupazzo piuttosto che essere operato da me implorava l’eutanasia o, talvolta , faceva direttamente karakiri col bisturi.

Notizie dal fronte erpetico

Consapevole del fatto che il mondo è ugualmente in apprensione per l’ipotesi di guerra in Irak e per l’evoluzione del mio herpes,vi comunico il bollettino giornaliero:è più probabile che giovedì prossimo Bush e Saddam siano in prima fila al Bagaglino ad applaudire Martufello e che Condoleezza Rice in perizoma a stelle e strisce sostituisca Pamela Prati nello show, che il mio herpes rientri.Mi è stato anche consigliato di assumere le miracolose pasticche di Zovirax, ma pare che una confezione costi come il prodotto interno lordo messicano.Siccome stasera mi trovo a dover uscire per forza, ecco, se qualcuno disponesse di un burka taglia 42 anche usato o, visto che tutto sommato è carnevale, di un costume da odalisca o da boia, me lo faccia sapere.Grazie.

Piccole tragedie quotidiane

In questi giorni ero quasi riuscita a convincermi di non essere stata per niente sottoposta a stress, senonchè ieri mattina mi sono svegliata con un manifesto ed inequivocabile segnale che non è esattamente così: un herpes labiale modello pustola deturpante da diftero-vaiolo . Ad aggravare lo shock c’è il fatto che la sottoscritta è decisamente convinta che la cosa migliore di cui le abbia fatto dono madre natura sia la bocca . (so che tra gli uomini prevale un’altra corrente di pensiero…:) ) Ecco, in pratica è un po’ quello che in teoria dovrebbe provare Jennifer Lopez se una bella mattina si svegliasse col culo piatto.(trattasi di accostamento ardito e presuntuoso, me ne rendo conto, ma rendeva bene l’idea del rodimento)Insomma, mi precipito in farmacia , entro come una furia sperando di risolvere in fretta il problema, intanto sento che la mia bocca comincia ad assumere le dimensioni di quella di Denzel Washington…e il tizio davanti a me inizia a ordinare una quantità industriale di bende, garze, cerotti,siringhe,ovatta che a momenti mi prende l’impulso di strozzarlo con un laccio emostatico. Ad un certo punto credo che il tizio abbia notato il miolieve disappunto anche perchè, esaurita la lettura di tutte le qualità, le indicazioni e gli spessori dei vari preservativi in commercio, per smaltire il nervoso mi stavo facendo le unghie sul bancone. Si gira verso di me sorridendo e mi fa: “Mi scusi signorina, ma sa , sto facendo scorta!” Non gli ho chiesto se fosse in partenza per l’Irak, ma ho risposto simpaticamente: “Beh, la ritengo responsabile dell’aumento di volume del mio herpes nell’ultimo quarto d’ora!” A quel punto ha osato pronunciare l’unica frase capace di urtare anche la suscettibilità di un monaco tibetano durante l’esperienza mistico meditativa della cerimonia del thè.Ossia : “Uhhh ma neanche si vede!” “No certo idiota, in effetti la mia bocca ormai neanche si vede più, visto che è letteralmente infestata da questo orrido bubbone che avanza inarrestabile tipo blob e non provare a sdrammatizzare che oggi la mia vita ha lo stesso tasso d’umorismo del film “Il corvo”, che se avessero chiamato te a interpretarlo con quella faccia da pirla che ti ritrovi si sarebbe intitolato “La beccaccia”. Chiaro?”L’ho solo pensata, ovviamente. Ed ecco l’ingresso del deus ex machina, che in questo si è manifestato proprio nelle vesti di una “machina” (in latino e in romano è la stessa cosa) che doveva uscire dal parcheggio e aveva davanti un’altra “machina” che gli impediva la manovra.Era la machina (o più probabilmente l’ambulanza) del tizio. La farmacista appreso il mio problema mi propone una crema che ha un nome semplicissimo “Aciclovirdorom”, roba che il giorno in cui avrò imparato a pronunciarlo sarò in farmacia a chiedere un farmaco per il climaterio dellamenopausa.Un misero tubetto da dieci grammi con una confezione triste come una gita sul lago il due novembre mi è costato 12 EURI. Come minimo deve essere compreso il silicone con effetto garantito “labbra alla AngelinaJolie”. Ora, l’investimento in sè mi sarebbe anche potuto andar bene, il punto è:visto che sono due giorni che spalmo crema a volontà e l’herpes continua a gonfiarsi a dismisura, non è che la farmacista quando le ho chiesto una crema per l’herpes ha equivocato su quel per e ha creduto che st’herpes volessi coltivarlo?Insomma, alla fin fine ho optato per l’intramontabile rimedio casalingo:casalingo nel senso che sono due giorni che sto chiusa in casa.

prove del delitto

Grazie all’amico Carlo nella sezione foto ci sono un po’ di immagini della mia presenza al Costanzo Show di lunedì che rimarrà negli annali della storia della televisione assieme ad una puntata de “il trucco c’è” con Walter Zenga e Little Tony. 🙂