Navigate / search

Es Hotel di Roma

Abbiate pazienza ma quando ce vo’ ce vo’

Dal nuovo numero di “Chi” pagina 154:”All’Es Hotel di Roma festa di compleanno per Lorenzo Lavia, figlio di Gabriele Lavia,che, anche in fatto di conquiste, sembra seguire le orme del padre. Il suo sguardo è stato attirato dalla bella Mirka Viola che , guarda caso, compiva gli anni lo stesso giorno.” E ‘sti cazzi.

comitati per la salvaguardia

Altro che Marzullo

Facendo una ricerca su internet mi sono resa conto che in Italia esistono comitati per la salvaguardia di qualsiasi cosa. Si va da quello “per la salvaguardia degli affluenti del fiume Sesia” a quello “per la sicurezza ed i diritti delpedone” , da quello “per la tutela del delfino Filippo” (tursiope che nuota nel golfo di Manfredonia) a quello “per la salvaguardia del frutteto della Canonica di Vezzolano”. Per carità , tutte cause nobili, ma viene da pensare che a questo punto, uno di questi giorni, qualcuno penseràdi istituire un “comitato per la salvaguardia dell’unghia incarnita”, affinchè non venga sottoposta al brutale ed incivile rito dell’asportazione. Parlando seriamente, io fonderei un “comitato per la difesa dei familiari delle vittime di omicidi affinchè diventi illegale sottoporli alle domande ricorrenti di intervistatori particolarmentre acuti”. Mi spiego. E’ mai possibile che di fronte a persone colpite datragedie disumane quali l’assassinio di un figlio, ad un giornalista su due venga puntualmente in mente la brillante idea di chiedere:” Come ha reagito quando ha saputo l’accaduto?” ? Cosa mai potrà rispondere un padreaffranto? Cari lettori, vi lascio indovinare quale delle due risposte è quella esatta : a) “Sono rimasto sconvolto, non riuscivo a crederci.” b) “Sono andato al centro ingrosso di fuoche pirotecnici e ho comprato una cassa di girandole luminose.” ? Altra domanda ricorrente:”Cosa ha pensato quando ha visto suo figlio riverso a terra in un lago di sangue?a)” Ero completamente sotto shock, ho cercato di rianimarlo, ero disperato.” b) Che l’indomani probabilmente avrebbe saltato la lezione di nuoto ed era un peccato perchè nello stile a rana aveva il miglior tempo tra gli allievi del corso”? E ancora: ” Cosa ha fatto, ha chiamato aiuto?” Indovinate un po’ la risposta: a) Sì, ho immediatamente chiamato un’ambulanza.” b) “Ho passato immediatamente lo straccioche il cotto è terribile , se non pulisci subito, la macchia non viene più via!”. Poi c’è una domanda-tipo che mi fa letteralmente uscire il fumo dalle narici: “Ha perdonato il suo assassino?” .Lascio a voi decidere qual è la risposta più credibile: a) ” Sono troppo sconvolto per poter solo valutare l’ipotesi .” b) ” Come no, anzi, ho prenotato per stasera due posti al roof garden dell’hotel Hassler,sa com’è, sorseggiando un buon vino si chiacchiera meglio!” Ed infine , il quesito più brillante di tutti: “Le manca suo figlio?” Qui, miei cari lettori, la scelta tra le due opzioni si fa più complessa : a) Ci ha lasciato un dolore immenso e non so comefaremo a spegnerlo”.O: b) Ha lasciato il computer acceso e ora non so come si fa a spegnerlo”? (Il mio articolo su Il Tempo di oggi)

Quelli che il Calcio

A proposito di Quelli che il Calcio

A proposito della mia partecipazione a “Quelli che il calcio”, leggevo tra i commenti che alcuni miei lettori mi hanno accusata di eccessiva timidezza e poca intraprendenza. Ho riflettuto tutto il giorno su questa osservazione ed ho concluso, non senza dolore, che hanno ragione. Dovevo prendere il coraggio a quattro mani e chiedere quel cazzo di numero di telefono a Pietro Sermonti. Altri hanno sostenuto che mi sia stato dato troppo poco spazio in trasmissione (questa frase è fluida e limpida quanto il tratto del Tevere sotto ponte Sisto). Anche su questo mi trovo perfettamente d’accordo, il problema è che come al solito gli autori non rispettano gli accordi. Si era infatti stabilito che io presentassi Simona Ventura , facessi battute sarcastiche a Gene Gnocchi , che mi travestissi da Rino Tommasi e che con una mia semplice imposizione delle mani sulla gamba infortunata di Vieri , lui si sarebbe alzato di scatto dalla sedia lanciando le stampelle in aria e gridando al miracolo. Poi si sa come vanno queste cose, un cambio di scaletta all’ultimo minuto e mi sono dovuta accontentare.C’è chi sostiene che la mia presenza un qualche effetto l’abbia comunque avuto.Ancora una volta confermo. Non vorrei sembrare immodesta, ma pare che Gullotta , dopo due ore di stretta vicinanza con la sottoscritta, si sia convertito all’eterosessualità .La Olivetti , aspirante velina, dopo dieci minuti di chiacchiere in camerino con me medesima è passata da affermazioni quali “il nuoto è lo sport più completo” ad argute annotazioni su “la critica della ragion pura e la sua influenza sulla filosofia moderna”.Con Gnocchi , non lo nego, c’è un certo feeling. Stiamo addirittura pensando di costituire un duo comico dal nome “Gnocchi e la gnocca” . Vi terrò aggiornati sulle date della nostra tourneè.Su Vieri ho già espresso la mia opinione. Forse non è nemmeno esatto dire che m’è simpatico come l’arrivo delle mestruazioni il primo giorno di mare. Forse dovrei dire che mi è simpatico quanto l’arrivo delle mestruazioni ad una sposa mentre nel suo abito bianco dà le spalle alla chiesa gremita. Ecco, direi che così siamo più vicini alla verità. Giletti ha cominciato tutto arzillo e pimpante, ma dopo la quindicesima presa per il culo ai suoi danni, sembrava un crisantemo il sette novembre. Io avevo trentotto di febbre e la scatolina del microfono sulla mia schiena aveva raggiunto la temperatura dei razzi propulsori dello Space Shuttle. Ho guardato con notevole interesse la partita Roma-Milan sul monitor ed esultato con enfasi ai gol dei giallorossi. Alla fine della puntata un tecnico s’è accorto di aver dimenticato di collegare il mio monitor durante tutta la messa in onda e quindi, pare che io abbia rimirato tutto il tempo uno screensaver con pesci tropicali. Sempre detto io che tra Totti e un celenterato non c’è una gran differenza.Qualcuno ha affermato che ieri ero a Quelli che il calcio perchè raccomandata. L’unica raccomandazione avuta è stata quella particolarmente affettuosa di mia madre, e cioè: “Ah Selvà, mi raccomando sta seria che quando ridi ti vengono certi zigomi che sembri la Ferilliincinta!” Insomma, è dura da accettare anche per me, ma a quanto pare io e Malgioglio siamo gli unici disoccupati ad aver trovato lavoro col governo Berlusconi.

il nuovo numero di Max

Oggi è uscito il nuovo numero di Max con il debutto della mia rubrica “Noi donne” ed un editoriale del direttore molto molto lusinghiero nei miei confronti.Se non lo comprate per me , fatelo per la copertina con Martina Stella. Vi dico solo che ho lasciato Max davanti al vaso con un girasole di plastica e gli s’è avviata la fotosintesi clorofilliana.

Pro e contro

Ovviamente mi rode pubblicarla, ma sapete com’è, tocca pure fingersi democratici ogni tanto…Tra le critiche del giorno che mi riguardano, vale la pena segnalare questa pubblicata da dagospia.Tra le iniziative curiose in mio sostegno c’è invece quella del “comitato d’onore per ospitare Selvaggia a Costa Merlata”. Costa Merlata è un villaggio turistico in quel di Ostuni che ricorda alcuni tratti di costa tra Ladispoli e Cerenova con in più qualche piccolo inconveniente, tipo l’impossibilità di praticare la pesca subacquea perchè negli anni 70 i bombaroli hanno lanciato in quel tratto di mare più bombe che i russi in Cecenia.Ad ogni modo, a Costa Merlata andrò di sicuro. Sono una che si accontenta di poco poichè abituata a spiagge terrificanti: considerate che negli alberghi di Civitavecchia le camere vista mare costano la metà.La descrizione dettagliata di questo simpatico villaggio, il cui incipit è l’invitante slogan “Ma che ce venite a fà?” la trovate QUI

Quella che il calcio (non sa cosa sia)

Domenica 27 aprile (questa insomma) sono ospite (in studio) a “Quelli che il calcio”. Contravvenendo ancora una volta al mio “patto con gli e-lettori” in cui ho dichiarato una fede incrollabile per la Roma, quando la redazione mi ha chiesto : ” Per quale squadra tifi?” io, per timore di dare la risposta sbagliata , ho balbettato: “Dunque..MilIntRomLazJuvChiev…va bene?” E loro: “Che cos..” “Cosenza sì sì , tifo Cosenza!” Sono più venduta di un arbitro. Ospiti della puntata: Massimo Giletti, Serena Autieri,Cristiano Malgioglio, Pietro Sermonti, Christian Vieri, Giulia Olivetti.

Sars: effetti collaterali

Senza voler nulla togliere alla drammaticità dell’evento, bisogna ammettere che la psicosi da polmonite killer sta prendendo delle pieghe veramente comiche. Ormai tutto quello che ha dei vaghi legami con l’emisfero orientale della terra è visto con un allarmismo terrificante. I primi a risentire della diffidenza sono quei poveri ristoranti cinesi che rischiano di essere definitivamente disertati .Ora, va bene la prudenza , ma allora non capisco perchèfino a ieri gli italiani li abbiano frequentati con tanta disinvoltura:i tempi di digestione dei piatti tipici cinesi sono più o meno quelli dello spostamento delle placche terrestri , per cui non vorrei creare allarmismi, ma ho il forte sospetto che ad oggi abbia mietuto ben più vittime il gelato fritto che la sars. Ad ogni modo, per scongiurare la crisi, pare che numerosi ristoranti cinesi stiano escogitando dei camuffamenti , alcuni dei quali piuttosto improbabili: il ristorante cinese sotto casa mia ad esempio, ha sostituito l’insegna “La grande muraglia” con una più nostrana “La grande Maiella” ed ora propone piatti quali trippa funghi e bambù, arrosticini primavera e paiata wonton .Altra categoria guardata con sospetto è quella delle colf filippine: pare che in molti preferiscano la completa abolizione delle pulizie domestiche, piuttosto che il delegarle ad una colf orientale. Ora, visto che pare che la sars sia trasmessa dagli scarafaggi, ritengo che nel giro di un mese tutte le case dei single di sesso maschile diventeranno dei focolai che in confronto il famoso albergo incriminato ad Hong Kong sembrerà un centro benessere Messeguè. Nonostante i discorsi tranquillizzanti del ministro Sirchia, si fa anche un gran parlare dei prodotti anticontagio: chi consiglia guanti e mascherine, chi integratori alimentari, chi purificatori d’aria. La mitica medicina orientale, famosa per cure naturali miracolose quali l’agopuntura, è chiaramente nel panico più completo: suggerisce infatti, a scopo profilattico, l’assunzione di due “comunissimi” ingredienti quali bachi da seta morti e pelli di cicala.La caccia alla cicala potrebbe essere un’ interessante occasione per scoprire se questi insetti esistono sul serio: il loro frinire è infatti noto a tutti, ma pare che nessuno le abbia mai viste tanto che la loro esistenza è dubbia almeno quanto quella del punto G.Personalmente, in questo periodo, sono piuttosto preoccupata per la sorte di due personaggi : il primo è Michael Jackson. Se quest’uomo prima della psicosi da sars girava già con guanti e mascherina, adesso si farà mettere sottovuoto spinto come il salmone affumicato? Il secondo è il cinese più famoso del momento. Non parlo di Jiang Zemin , ma di Sergio Cofferati. Non è che Fassino proporrà la quarantena anche per lui? (il mio articolo su Il Tempo di oggi)

La gazzetta del mezzogiorno

Non so com’è, ma in questo periodo qualsiasi cosa scriva succede un macello. La Gazzetta del Mezzogiorno ha dedicato un articolone al mio appello ironico in cui chiedevo ai marines di abbattere pure la statua dell’Arcuri a Porto Cesareo , oltre a quella di Saddam. Ne è nato un sondaggio tra pescatori e commercianti del paese. Memorabile la dichiarazione di un pescatore: “Era meglio dedicare una statua alla triglia che all’Arcuri!” Andare nel mio link ” rassegna stampa” per leggere l’articolo.