Navigate / search

L’uscita Brescia nord

Riguardo al passaggio incriminato del mio articolo su “Il Tempo”, e cioè quello in cui sostenevo che sull’autostrada del Brennero c’è l’uscita Brescia Nord, vorrei rispondere a tutti quelli che mi hanno fatto notare che tale uscita su quell’autostrada non esiste,che la loro teoria è del tutto indimostrabile. Signori miei,sull’autostrada del Brennero, da gennaio a dicembre, c’è tanta di quella nebbia che la vostra non è altro che pura ipotesi. Nessuno è mai stato in grado di stabilire con certezza la mappatura delle sue uscite autostradali.Parecchi anni fa, una famiglia di Vipiteno in viaggio verso Gardaland, incappò in un evento climatico mai registato prima: 700 metri di visibilità perfetta sull’autostrada del Brennero.( qualcuno sostenne anche che la nebbia in realtà si ritrasse inorridita di fronte alla visione dell’Arna sulla quale viaggiavano )Arrivati al casello di Rovereto, si lamentarono col casellante per la totale mancanza di segnaletica ad indicare “possibili banchi di sereno” e, ancora atterriti, raccontarono che colti di sorpresa da quell’improvviso squarcio di visibilità per poco non finivano fuori strada. Bene, alle televisioni locali che giunsero numerose ad intevistarli per esser stati testimoni di un fenomeno del tutto unico e irripetibile in quel tratto autostradale, giurarono d’aver letto distintamente i nomi delle uscite “Topolinia” e “Gotham City”.Per cui figuriamoci se non esiste l’uscita Brescia Nord.psI signori Oenzollern,hanno appena pubblicato un libro sulla loro esperienza paranormale in autostrada e il loro bambino più piccolo sostiene di vedere accanto alle persone gli spiriti guida con la divisa degli operai dell’Anas.Interverranno presto in una puntata del Costanzo Show assieme a tale Zerbino, testimone dell’apparizione del nano sodomita a Zanzibar e alla signora Wanda, rapita nel 1978 dagli alieni sardi.Occhio ai segni, mi raccomando, non ai tir.

Leave a comment

name*

email* (not published)

website