Navigate / search

Le mediane della tv

Quando si parla di personaggi televisivi femminili le prime facce che ci vengono in mente sono sempre le solite: quelle che ci sorridono dalle copertine dei settimanali quando il lifting lo consente, le soubrette che ammiccano dai calendari in posizioni da scoliosi cronica, spalmate di tanto di quell’olio che sarebbe sufficiente per friggere la fauna ittica del Mar Ligure. E ancora: le star abituate a fare tanti di quegli autografi che ormai firmano gli assegni “con simpatia” e le dive che se va di moda la frangetta si fanno fare la frangetta anche se poi sembrano dei chiwawa. Ma accanto a queste donne celebrate a tal punto che un qualsiasi loro dotto commento tipo “troppo trucco invecchia” finisce per assumere il valore di un’enciclica papale , c’è tutta una schiera di donne che occupano i palinsesti tv senza godere dei privilegi della grande popolarità. Sono le mediane della tv. Quelle che magari in televisione ci lavorano da anni e perfino in una trasmissione giornaliera, ma che non entrano nell’immaginario popolare, non finiscono sui giornali, si confondono con le scenografie. Quelle che non bucano lo schermo se non con l’ausilio di un picchetto. Il caso più eclatante è Giovanna Bizzarri, la mite e malinconica pianista di “Sottovoce”, il programma notturno di Marzullo.La Bizzarri è un’autentica mediana della tv , una donna che lavora sotto la luce dei riflettori tutti i giorni condannata a rimanere perennemente in ombra .Una donna che non è mai stata invitata in nessuna trasmissione. Nemmeno da Marzullo! Un’altra mediana della tv è Lalla Francia, la cantante della Morselli Band, l’orchestra del Maurizio Costanzo Show. Immagino la frustrazione di questa povera donna che tutti i giorni, sul palco del Parioli, è confinata nelle retrovie dietro ad una prima linea di pornostar, scambisti, impiegati del catasto travestiti da drag queen,amici degli elfi,sciampiste con doti medianiche. Con ogni probabilità quello che guadagna come cantante Lalla Francia lo reinveste tutto dallo psicoanalista. C’è poi il caso di una donna popolare sì, ma ormai retrocessa definitivamente dal ruolo di presentatrice a quello di dogsitter. Sto parlando di Enrica Bonaccorti. Questa sfortunata conduttrice,pur di stare in video,è ormai costretta ad occuparsi esclusivamente di randagi. A parte che i maligni sostengono che Enrica sia già alla settima ricaduta di cimurro, gira anche voce che pur di tenersi il posto da cinofila a Buona Domenica, sia lei stessa ad abbandonare branchi di bestiole fuori dagli studi di Cinecittà. Infine, inspiegabili mediane della tv, sono le vallette di “Ok il prezzo è giusto”. In un ‘epoca in cui donne poco vestite in gruppi dai due ai sei elementi (veline-letterine) hanno il successo garantito, le vallette di questa trasmissione sono le uniche ad essere completamente ignorate dai media. Chissà, visto l’argomento della trasmissione , potrebbe servire a qualcosa battezzarle “scontrine”. Non dico che si guadagnerebbero all’istante un invito sulla barca di Briatore,ma almeno un giro sul pattino di Mastrota è assicurato. (dalla mia rubrica su Il Tempo di oggi)

Leave a comment

name*

email* (not published)

website