Navigate / search

Dalla cucina ai salotti

Facendo il solito zapping domenicale , l’altro ieri mi sono imbattuta in un momento particolarmente topico di Domenica In: Silvana Pampanini,truccata che pareva avesse infilato la testa nel beauty case un minuto prima di andare in onda, veniva intervistata da Giucas Casella , Stefano Masciarelli e Gianfranco Vissani.Memorabile la domanda che le ha posto il cuoco più famoso d’Italia, formulata esattamente così:“Qual è stato il più bel film che t’è piaciuto di più?”. A proposito dell’uso terroristico della grammatica che fa Vissani, io mi domando: ma non è che alle elementari, quando i compagni di scuola facevano i pensierini,Vissani giocava al “Dolce forno” con Malgioglio?Chi è il colpevole che ha deciso di spostare Vissani dalle cucine ai salotti?Io confesso che a me quest’uomo sta anche simpatico, ma quando lo vedo in tv nelle vesti di tuttologo chiamato ad esprimere opinioni su argomenti tipo: ” E ora quale sarebbe la giusta punizione per Saddam Hussein?” temo sempre che dia risposte quali : “Io lo farei flambè!” o ancora che alla domanda : “Come scongelare irapporti tra Bush e Chirac?”, lui replichi: “L’importante è che lo si faccia a temperatura ambiente che altrimenti si perdono i valori nutritivi.”Vissani a parte, bisogna comunque riconoscere che ormai in televisione gli unici programmi che non temono auditel e tagli improvvisi sono proprio quelli di cucina. Ne è passato di tempo dalle prime edizioni di Linea Verde,quando sulla Marmolada innevata Federico Fazzuoli mostrava immense tavolate con arrosti che a quelle temperature non sapevi più se fossero di coniglio o di mammut.Ormai per i programmi culinari vengono allestiti certi studi da prima serata che uno no sa mai se la presentatrice di turno sia lì lì per annunciarel’ingresso di Michael Jackson o quello della caponata di melanzane.A proposito, ho letto che il nuovo programma del sabato sera condotto dalla Corna sta andando maluccio e che le attrazioni internazionali quali funamboli e acrobati non sono un granchè.Mi permetto di dare un suggerimento:visto che in ogni programma che si rispetti, da Unomattina a Mezzogiorno in famiglia, c’è ormai l’angolo culinario, perchè non rinvigorire gli ascolti con numeriacrobatici quali il triplo salto carpiato dell’omelette o gli equilibristi che fanno piramidi umane sullo spago dell’arrosto? (il mio articolo su Il Tempo di oggi)

Leave a comment

name*

email* (not published)

website