Navigate / search

Il vip in declino

Quella del “vip in declino” è una specie piuttosto malinconica ma anche incredibilmente tenace. Il vip in declino, una volta escluso dai circuiti che contano, sviluppa un istinto di sopravvivenza riscontrato solo in alcuni capodogli rimasti impigliati nelle reti da pesca nel sud della California.Il vip in declino si aggrappa con tutte le sue forze a qualsiasi fonte di sostentamento che non consista, molto semplicemente, nell’andare a lavorare.Ci sono casi estremi di persone che hanno avuto un giorno di discreta popolarità decine di anni or sono e tentano ancora oggi di vivere di rendita. Celebre il caso di un contadino di Anagni che , nel 1966, rilasciò un’intervista a Tele Ciociaria a proposito dello strano fenomeno dei due enormi cerchi incisi nel suo campo di grano. Vi furono tre mesi di ipotesi su Ufo, intelligenze non umane, sette sataniche e di dichiarazioni di testimoni oculari ritenuti attendibili che giurarono di aver sentito extraterrestri discorrere tranquillamente in dialetto frusinate e il caso clamoroso di un pastore locale che dichiarò, testualmente, di essere stato rapito “dagli alianti” che volevano carpirgli i segreti del caglio nella lavorazione della ricotta caprina . Per mesi, a casa del contadino, vi fu un via vai di curiosi , ufologi e giornalisti, finchè un giorno, casualmente, saltò fuori che la notte di San Lorenzo, e cioè proprio quella in cui si formarono i due cerchi nel campo di grano, la suocera del contadino , un donnone di duecento chili con due chiappe che il marito astronomo aveva affettuosamente soprannominato “Deimos” e “Phobos” , i due satelliti di Marte, era andata a sedersi nel campo per osservare le stelle cadenti . Riguardo al fatto che all’interno delle due gigantesche impronte erano state rinvenute tracce di bruciature e residui di gas sconosciuti , tutti tacquero educatamente, ma fu evidente che l’intero paese ritenne le tracce gassose prove schiaccianti della colpevolezza della suocera.Ad ogni modo, il contadino, ancora oggi, a distanza di ben trentasette anni dall’episodio, nonostante accertato che non si trattava di un caso sospetto di extra-terrestri ma di un caso certo di culo extra-size , continua a campare di “ospitate” (e relativi gettoni di presenza) all’interno delle puntate speciali di “Porta a porta” su esoterismo, meteorismo, ufo, rabdomanzia e sciatalgia in cui, ogni volta, finisce per inscenare una semi-rissa con l’antropologa Cecilia Gatto Trocchi agghindata come “Barbie- Reginetta del ballo” , la quale, puntualmente, sostiene che “gli ufo non esistono” e, col contadino che , altrettanto puntualmente, replica: “ Guardi, uno è di sicuro il suo parrucchiere.”Ho descritto un caso estremo di popolarità casuale e inconsistente, sfruttata con talento e tenacia negli anni, per andare ad illustrare tutti gli escamotage più classici adottati dal vip in declino pur di rimanere a galla nel tempo:- il primo, ormai abusatissimo, è la pubblicità di un mobilificio su una tv privata. Il vip in questione infatti , confidando nel fatto che, trattandosi di un emittente locale, la sua marchetta passerà inosservata, realizzerà esilaranti sketch promozionali in tandem con: a) la figlia del proprietario del mobilificio con velleità da showgirl che solitamente canta anche il jingle pubblicitario. b) il proprietario del mobilificio che solitamente miete più vittime col suo uso sconsiderato dell’italiano che con una sega circolare in mano. c) un altro vip sfigato quanto lui con cui si dividerà scrupolosamente le battute del copione.

Una volta Paolo Brosio ha distrattamente pronunciato la frase “Venite a trovarci al settantacinquesimo chilometro della statale Appia, siamo aperti anche la domenica!” che , come da accordi, spettava recitare alla madre, e la signora Brosio l’ha rinchiuso per ben tre ore in un armadio quattro stagioni della linea laccata “Pegaso” , tra la perplessità generale. d) un sedicente comico (solitamente il nipote scemo del mobiliere), il quale vivacizzerà lo spot con fulminanti battute a tema quali: “ Paolo, sai quand’è che un armadio è anziano? Quando ha superato un’anta! Ah ah ah.”Fine prima parte(domani gli altri escamotage del vip in declino. Il primo che commenta : ti sei dimenticata il punto “aprire un blog”!rimarrà chiuso nell’abitacolo dell’automobile all’ora di pranzo nel parcheggio deserto dell’ipercoop.)

Leave a comment

name*

email* (not published)

website