Navigate / search

Datemi retta

Consigli di natura estetica agli uomini: 1) Prima regola: stabilito che i capelli brizzolati stanno bene solo a George Clooney (o quasi), mettetevi appunto in testa che, nel caso li abbiate di questa tonalità, dovete lavarli spesso : va bene che sono sale e pepe , ma questo non vuol dire che a questo punto tanto vale aggiungerci un po’ d’ olio e fare l’effetto pinzimonio. 2) Ve lo chiedo in ginocchio: non vi tingete i capelli, perché “l’effetto Tony Santagata” è sempre in agguato. Sappiate che qualsiasi tintura, a contatto con il capello maschile, assume tonalità improbabili quali “acero biondo” e “radica di noce”, per cui, tinti, più che un playboy di inizio millennio sembrate un comò di fine ottocento. 3) Sempre in tema tricologico: se invece, ahimè, perdete i capelli , l’unica soluzione estetica accettata di buon grado dalle donne , è quella di rasarvi completamente. Vi supplico, non ricorrete al parrucchino: nel momento topico, vedervi riporre il toupè sul comodino, ci darà l’idea di stare per far del sesso con un omino della Playmobil. E non pensate di salvarvi dicendo: “Quest’estate ti porto in Costa Smeralda col mio galeone!”. Per quel che riguarda invece coloro che pensano bene di ricorrere al riporto laterale, ecco, domandatevi se andreste mai a letto con Enzo Mirigliani . Non è normale il fatto che per baciarci dobbiate liberare la mascella perché avete fatto tre giri di capelli attorno alla testa a mo’ di fasciatura per il mal di denti, sappiatelo. 4) Abbronzati sì , ma con moderazione. Le facce color rosso porpora tipo posteriore di babbuino , non esercitano gran fascino sulle donne, ve lo garantisco. Diciamo che almeno due segnali dovrebbero suggerirvi che forse vi siete scuriti troppo: se la polizia vi ferma per chiedervi il permesso di soggiorno e quando i nei cominciano a sembrare vitiligine. 5) Questione peli. Qui il discorso è piuttosto spinoso, perché le donne, al riguardo, hanno pareri piuttosto contrastanti. In linea di massima comunque, mi sento di poter riassumere il pensiero femminile in questo modo: se il calciatore col fisico scultoreo, glabro e oliato può effettivamente sembrare una statua greca, un uomo comune può sembrare al massimo una statuina del presepe: precisamente quella più infelice, che è di solito il pastore scrostato e scolorito che da anni mimetizziamo tra le montagne di cartapesta e che non vede il bambinello da almeno quindici Natali. 6) Ovviamente , qualora abbiate tanti di quei peli che l’ultima volta che siete andati in spiaggia e avete soccorso un uomo in mare, vi siete guadagnati il titolo sulla prima pagina del Corriere Adriatico “Terranova-bagnino salva un bagnante in difficoltà”, anche se non siete degli adoni, è consigliabile la depilazione. Andate però in un centro estetico. Osservarvi girare col mestolo la cera per la ceretta nella pentola per la polenta, e magari vedervi perfino assaggiarla col dito per capire se è pronta, è un’immagine piuttosto anti-erotica. 7) Sarò schietta: se Roul Bova , con la barba incolta, ha l’aria vissuta di quello che ha appena finito di girare un film , voi avete semplicemente l’aria di quello che ha appena finito la schiuma da barba. 8) Se la vostra pancia provoca un cono d’ombra pari a quello dello Stromboli , non vi ostinate a comprare i jeans taglia quarantotto e ad allacciarli all’altezza dell’inguine, stringendo la zona in una morsa soffocante. Potrebbe essere un’abitudine pericolosa. Ricordate che in Cina si fasciavano stretti i piedi delle ragazze perché si conservassero PICCOLI. Meditate gente.

Leave a comment

name*

email* (not published)

website