Navigate / search

E’ come quindici giorni fa

Lei e Mina, tempo fa, hanno fatto una scelta netta e categorica: quella di tenersi alla larga dalla tv. Per carità, si è trattato di una decisione comprensibilissima ma certamente assai dolorosa per il pubblico che le amava e che in tutti questi anni si è dovuto accontentare al massimo di qualche sporadica notizia sulle due star tanto schive e riservate. Ieri la bella sorpresa: è finalmente accaduto che ad una delle due sia tornata la voglia di riaffacciarsi sulle scene. So che a molti di voi, ieri sera, alla vista di quel volto che tanto era mancato, lacrime di gioia e commozione avranno solcato le guance. Avrete senz’altro capito di chi sto parlando. Dopo una lunga assenza dal video è tornata Maria De Filippi. La nostra Maria. Colei capace come pochi altri uomini al mondo di pronunciare dei no. Colei che coraggiosamente ha scelto di non sovraesporsi. Di non sovraccaricarsi di lavoro. Di non tenere le poltrone tutte per sé. Di lasciare spazio agli altri. Di non cadere nella trappola dell’ingordigia. E diciamolo a gran voce: di questi tempi solo lei e Luca Cordero di Montezemolo sono capaci di scelte tanto altruiste. Maria è in gran forma. Oserei dire che il tempo sembra scivolarle addosso senza scalfirla minimamente. Concorderete con me nel dire che è esattamente come l’avevamo lasciata quindici giorni fa. Deve aver fatto un patto col diavolo. O col marito, che poi è più o meno la stessa cosa. Ed immutata è rimasta anche la sua invidiabile capacità oratoria: se c’è da aprire il programma lei dice: “Buonasera, facciamo entrare…”, se c’è da chiudere il programma lei dice: “ la puntata è finita a domani” , se è il momento del sottofondo musicale lei dice: “Jingle!” , se c’è la pubblicità non dice niente e si fa tagliare direttamente. Se l’ospite è poco loquace lei te lo molla lì nel suo silenzio imbarazzato finchè il povero malcapitato non pensa: “Qui c’è una che ha meno argomenti di me” e comincia a raccontare la storia della sua vita dall’incontro dei suoi bisnonni in poi. Forse un’inquadratura sbagliata rivela qualche piccolo solco ai lati degli occhi che quindici giorni fa non c’era, ma il suo fascino è davvero immutato. D’altronde si sa, come gli ingegneri aeronautici si ispirano al volo degli insetti per creare velivoli in grado di muoversi sicuri nell’aria, la Foppapedretti si ispira da decenni al suo volo d’angelo con Kledi per creare assi da stiro in grado di stare dritte una volta riposte dietro la porta. Il suo nuovo programma si chiama “Vero amore” , titolo, neanche a dirlo, palesemente ispirato alla sua situazione sentimentale. Premetto che non è facile riassumere un format tanto complesso e articolato in poche righe ma, per farla breve , la trasmissione è così strutturata: ci sono quattro coppie che decidono di mettere alla prova la solidità della loro storia . A tal fine le donne fidanzate verranno mandate in una sorta di residence con tredici uomini single e gli uomini fidanzati in un altro residence con tredici donne single. L’idea rasenta a tal punto la genialità che qualcuno sostiene che tra le invenzioni leonardesche, accanto agli schizzi dell’argano e dell’ala articolata, vi sia anche un disegnino a tempera che ritrae Giuseppe Lago attorniato da alcune procaci sciampiste.

Giuseppe Lago è appunto uno dei concorrenti al gioco ed è, per chi non lo conoscesse, un tronista di “Uomini e donne” (del resto che è un tronista lo si deduce dal tipico sguardo appunto rin-tronato che hanno tutti i detentori dell’ambito titolo) . Lago è talmente simpatico che Costantino al suo confronto è Jerry Lewis. Lago è la testimonianza vivente che, come pensavano gli antichi romani, nel nome c’è il proprio destino: uno che si chiama Lago non può che avere una cavità piena d’acqua al posto del cervello. Il tizio si presenta vestito da Uomo del Monte e con il capello perennemente impomatato; particolare, quest’ultimo, che chissà perché è una caratteristica tipica dei vari Costantino, Daniele Interrante e compagnia bella. L’unica spiegazione plausibile è che l’opera di lecchinaggio intensivo nei confronti della De Filippi provochi una tale produzione di bava che il materiale in eccesso viene utilizzato per tener fermo il capello. A parte Lago, c’è una coppia che dichiara di essere lì per vincere l’eccessiva gelosia, che praticamente è come dire che uno va all’October fest per vincere i suoi problemi di alcolismo. Poi c’è una tizia , Bianka con la kappa, che si sente trascurata dal suo uomo perché lui lavora troppo e allora pensa bene di mandarlo in trasmissione così si unisce al folto gruppo di gente che piuttosto che lavorare va dalla De Filippi. Poi c’è la tizia che si chiama Karina che passeggia con uno dei single tentatori col fiore tra i capelli e l’aria sognante ma poi il single ci tiene a rassicurare il fidanzato di lei dicendo che è felice che in sua compagnia lei abbia vissuto la sua prima volta coi cavalli e la faccenda si fa imbarazzante. Poi c’è la tizia che si chiama Michelina e qui mi limiterei ad osservare che certi nomi esistono solo nei programmi della De Filippi e forse ne “Il medico in famiglia” dove Annuccia e Ciccio erano i nomi più normali. Poi c’è il tizio single che dice alla fidanzata di Lago che è una col quoziente intellettivo di Karim Capuano: “Non pensavo che tu fossi così profonda” e lì vien voglia di utilizzare quell’anello a cerchio che il tizio porta al naso per tirarlo dentro la stalla e schiaffargli in bocca una balla di fieno in modo che taccia per un po’. Poi c’è un’altra tizia, che ha avuto una grave crisi col fidanzato per problemi di distanza e allora decide di partecipare a “Vero Amore” dove li terranno separati per un mese . Bah. Poi c’è il ragazzo di Karina che alla domanda: “Cosa ti mancherà di lei?” risponde: “ Fumarsi insieme una sigaretta, vedere la tv , farci una risata” e lì viene a tutti il dubbio che stesse pensando ad un suo vecchio commilitone. Poi ci sono quelle frasi insopportabili condite da risatine del tipo : “Sei una bella persona” oppure “Ma tu sei fuori di testa!” o anche “Io nella vita sono buono e caro ma se mi fanno arrabbiare…” il tutto annaffiato da scene girate in esterno della serie “musica allegra in sottofondo mentre lei fa le smorfie provando cappelli osceni davanti allo specchio”. Non so voi, ma io per questo genere di cose potrei anche uccidere.

Leave a comment

name*

email* (not published)

website