Navigate / search

S’è scafata, finalmente

Da un po’ di tempo assisto con preoccupazione e sbigottimento ad un fenomeno che andrebbe analizzato con una certa urgenza da un istituto di scienze biologiche: il progressivo ed inarrestabile infighimento di Cristina Parodi. Oddio, non che la Parodi sia mai stata brutta, ma di certo non ha mai brillato in sensualità. Per dirla in parole semplici, è sempre stata una che alla domanda “La tua ultima trasgressione a letto?” te la immaginavi replicare: “Le lenzuola Bassetti con pesci tropicali”.

Leggenda narra che nel periodo in cui Cristina era un mezzobusto del tg5, scoppiassero di frequente furibonde liti tra scenografi e truccatori perché quando Mentana gridava irritato: “Ma non vedete che quel maledetto palissandro è troppo lucido e fa dei brutti riflessi in video?” i truccatori sostenevano che il direttore parlasse del piano della scrivania, gli scenografi del volto della Parodi. Beh, direi che adesso basta guardare “Verissimo” per rendersi conto che la musica è cambiata. Di puntata in puntata la Parodi sta sbocciando fisicamente come un germoglio a primavera, come una giovinetta in pubertà, come Brooke Shields in Laguna Blu, tanto che più di un redattore di Verissimo afferma di essere ossessionato dallo stesso sogno erotico tutte le notti: succhiare il veleno dall’alluce alla Parodi dopo che è finita col piede su un pesce pietra. Del resto, che sia un’adolescente nel pieno dello sviluppo puberale è lampante: nel giro di qualche giorno è passata da uno stile misurato ad una quarta misura, da conduttrice informata alla coppa preformata, dal rigore ferreo al ferretto. E le sue recenti foto al mare dimostrano un altro fatto inconfutabile: alle torbide voci sul presunto triangolo amoroso tenuto in piedi dal marito, la nostra Cristina ha risposto con un assai più torbido reggiseno a triangolo.

Anche il suo sguardo non è più quello severo e spento di una volta. So che molti spettatori maliziosi sospettano che la rinnovata giovinezza del suo contorno occhi sia conseguenza di un lifting peraltro mascherato malamente da un paio di occhiali da sole che la nostra ha sfoggiato per qualche tempo. Voce falsissima. Si era trattato in realtà di un banale infortunio sul lavoro: a causa di una distrazione si era infatti spruzzata negli occhi lo spray anti-stupro che tutte le dipendenti Mediaset nascondono nella borsetta per prepararsi ad eventuali incontri nei corridoi con Emilio Fede. Ve lo confesso, io sono perfino preoccupata. Le voci secondo le quali nella prossima stagione la Parodi abbandonerà il suo programma pomeridiano non mi fanno dormire la notte. Visto il suo cambiamento di rotta, non vorrei che mi lasciasse la scrivania di Verissimo per scegliere quella di Cronache marziane: mica per altro, pare si sia liberato il posto da streaker. Oh, del resto s’è sciolta la calotta polare artica, prima o poi doveva succedere pure alla Parodi.

Leave a comment

name*

email* (not published)

website