Navigate / search

L’isola degli agenti

Beh signori, stasera a “La talpa” sono successe un bel po’ di cose senza precedenti: Stefano Bettarini, e questo è probabilmente il fatto più trascurabile, ha avuto una delle uscite più tristi e imbarazzanti della storia della televisione. Alla Perego che in studio affermava che il latte spruzzato sul viso fa bene alla pelle ha replicato: “Ma veramente io sapevo un’altra cosa…” La Perego, arguta come Fulco Ruffo di Calabria sotto sedativi, ha chiesto a Bettarini di chiarire la frase, e lui, non contento, ha aggiunto: “Dicevo che sapevo che in faccia fa bene un’altra cosa…”. A quel punto qualche autore dietro le quinte deve aver spiegato alla conduttrice che era il caso di far cadere la cosa e, ve lo confesso, sono circa due ore che mi domando con quale gesto si sia spiegato. Aggiungiamo pure che poco prima, sempre Bettarini, aveva presentato il masai al suo fianco dichiarando con un certo piglio: “Lui è Mea, un imminente guerriero masai!”. Ma questo è solo l’antipasto. La Perego, come tutti sanno, è la compagna di Lucio Presta, manager di Bonolis e della stessa Perego, sui giornali in questi giorni per aver insultato pesantemente Massimo Giletti reo di aver parlato male de “La talpa” a Domenica in.

In realtà, oltre ad averlo insultato, Presta avrebbe anche sputato in faccia a Giletti. Indovinate un po’ quale disgustosa prova è toccata ai concorrenti de “La talpa” questa sera? Farsi sputare in faccia da un masai con la premessa, chiaramente ironica della conduttrice, che per criticare le prove de “La talpa” bisogna avere una certa conoscenza dell’antropologia e sapere, per esempio, che per i giovani masai che partono per la caccia al leone, farsi sputare in faccia è un gesto di buon augurio. Insomma, questi dieci inconsapevoli bambacioni si sono fatti sputare latte in faccia da un tizio travestito da masai per un semplice regolamento di conti. In pratica se Presta in preda alla collera, anziché sputare a Giletti, l’avesse messo sotto con la macchina, la Perego avrebbe spiegato che per i masai farsi “arrotare” prima di una battuta di caccia è un gesto di buon augurio e stasera finiva che una Multipla passava sopra Ciufoli un paio di volte per poi finirlo in retromarcia. Ma il clou è arrivato quando l’opinionista già battezzato “finto polemico”, s’è lasciato andare ad un’esternazione di quelle veramente senza precedenti: “Paola! Sai perché parlano male di te e di questo programma? Perché tu sei una normale, una misurata, non sei la conduttrice strafatta come una biscia che straparla e saltella e non riesce a star ferma…!!!”. (la Perego sorride divertita e tace) So che molti di voi credono facesse riferimento ad una conduttrice della scuderia di Lele Mora diretto rivale di Presta che guarda caso ha fortemente voluto a La Talpa l’ex marito della conduttrice, ma dagli indizi a me pare più probabile sia quella trasgressiva scavezzacollo di Enza Sampò. Ora, io non so cosa accadrà nei prossimi giorni ma una cosa è certa: quest’anno all’Isola dei famosi non sta succedendo praticamente una mazza e un mucchietto di cenere nel riso diventa il notizione del giorno. I personaggi de “La talpa” appassionano quanto il backstage di “Incantesimo”. Signori, il vero reality si gioca dietro le quinte. Al massimo in studio. L’anno prossimo in Kenya e a Samanà io voglio Mora, Presta, la Perego, Giletti, Bettarini e compagnia bella. Mi vendo casa, macchina e il disco d’oro di “Ricominciamo” e il cachet di Presta lo pago io. Voi fate una colletta per gli altri. Per fortuna a rallegrare il clima c’ha pensato l’opinionista Karim Capuano. (e già chiedere a Capuano di avere un’opinione su qualcosa è come chiede a Marco Mazzocchi di darsi una spuntata alla frangetta) Capuano, vedendo Alessandro Greco lamentare un forte dolore alla gamba, ha commentato:

“Non credo alla sindrome di immunodeficienza alla gamba!” Alla sua sindrome di deficienza acuta sono pronti a mettere la mano sul fuoco tutti, invece. p.s. Ad ogni modo: un puntatone.

Leave a comment

name*

email* (not published)

website