Navigate / search

L’isola dei famosi 3 (quarta puntata)

Intanto io se fossi nella Ventura lo slogan<strong> “Crederci sempre, arrendersi mai”</strong> lo cambierei al volo perché su ‘st’isola se s’arrende qualcun altro la prossima settimana in nomination ci va il totem della cueva. Sembra sempre di più il giallo di Agatha Christie <strong>“Dieci piccoli indiani”</strong>, ogni mattina salta una testa. La puntata di stasera, come prevedibile, è cominciata con il saluto affettuoso della conduttrice a <strong>Fulco Ruffo di Calabria</strong>, costretto al ritiro per la morte del padre. Toccanti le immagini del principe nel momento del congedo e ancor più straziante il suo dolore espresso con la consueta abitudine di render partecipe il prossimo dei suoi sentimenti senza freni inibitori alcuni. Pare infatti che un autore, durante il suo viaggio dalla spiaggia all’albergo , l’abbia sentito sussurrare fra i singhiozzi  : <strong>“Ammazza come piotta ‘sto gommone!”</strong>. La Ventura ha poi aperto <strong>il caso Lecciso </strong>con le seguenti parole: “Allora, la Lecciso è uscita ieri con un settimanale.” E già lì la metà degli italiani è stata colta dal dubbio che Loredana al momento sia allegata con Gente tipo canestro galleggiante. Con grande sensibilità ha poi aggiunto che in studio avrebbero fatto una specie di sorteggio per decidere chi dovesse comunicare ad Albano la decisione della Lecciso di lasciarlo. Nel frattempo gli autori si stavano consultando sull’ipotesi di organizzare un bel televoto per far decidere agli italiani se la bella notizia ad Albano gliela dovesse dare<strong> il marito della Quaranta, Domenico Zambelli o il travestito Patrizia</strong>. A quel punto è arrivata la toccante testimonianza del direttore di Gente <strong>Pino Aprile</strong>, uomo di grandi sentimenti e amico personale di Albano, che ha confessato di essere stato vicino alla Lecciso in questi momenti dolorosi, dandole consigli sofferti e disinteressati quali: <strong>“Se devi prendere una decisione preferisco tu lo faccia sul mio giornale.”</strong> Riguardo la solita<strong> Antonella Elia</strong> ho da darvi finalmente una bella notizia: ora sappiamo il perché è tanto schizzata. E’ ormai più che lecito sospettare che un Capodanno di parecchi anni fa le sia scoppiato un petardo troppo vicino. La prova l’abbiamo avuta stasera grazie alla sua posa composta sullo sgabello: porta ancora le mutande rosse di quella notte sciagurata. E’ poi arrivato il momento tanto atteso: il ritorno di <strong>Enzo Paolo Casella</strong> dopo 21 giorni di sequestro. Per lui una bella novità: dopo i fatti di questa sera, da testimonial dell’892,  passerà  ad essere testimonial della<strong> “Preparazione h” </strong>honoris causa. Va comunque dato atto a programma e conduttrice d’aver trattato l’argomento con eleganza. Per farla breve, lui è entrato definendosi “il sedere più famoso d’Italia”, ha chiarito di aver avuto problemi di culo e la Ventura ha replicato che quando era incinta ha avuto le emorroidi anche lei ed è così che come per magia i toni sono rimasti decisamente soft. Comunque io al posto di Enzo Paolo<strong> continuerei ad esser preoccupato per il mio sedere</strong> perché la moglie una volta tornati a casa gli darà tanti di quei calci in culo che s’accomoderà su una ciambella per un’altra decina d’anni. Sul caso umano Enzo Paolo va poi sottolineata la sua metamorfosi in studio, a migliaia di chilometri da Samanà e soprattutto dai suoi compagni d’avventura: con una certa strafottenza ha dato della  “biondina” alla Santarelli, è stato cazzuto con Albano, insomma, Enzo Paolo è uno di quei cagnolini che al guinzaglio, col padrone, fanno i coatti. Sciolti e senza padrone al primo gatto spelacchiato che passa scappano con la coda tra le zampe. Ora scusate, ma il dubbio che mi attanaglia è :<img src="http://www.raidue.rai.it/Static/immagine/156/idf3pg121005.jpg"align="right" border="1" />
Intanto io se fossi nella Ventura lo slogan “Crederci sempre, arrendersi mai” lo cambierei al volo perché su ‘st’isola se s’arrende qualcun altro la prossima settimana in nomination ci va il totem della cueva. Sembra sempre di più il giallo di Agatha Christie “Dieci piccoli indiani”, ogni mattina salta una testa. La puntata di stasera, come prevedibile, è cominciata con il saluto affettuoso della conduttrice a Fulco Ruffo di Calabria, costretto al ritiro per la morte del padre. Toccanti le immagini del principe nel momento del congedo e ancor più straziante il suo dolore espresso con la consueta abitudine di render partecipe il prossimo dei suoi sentimenti senza freni inibitori alcuni. Pare infatti che un autore, durante il suo viaggio dalla spiaggia all’albergo , l’abbia sentito sussurrare fra i singhiozzi : “Ammazza come piotta ‘sto gommone!”. La Ventura ha poi aperto il caso Lecciso con le seguenti parole: “Allora, la Lecciso è uscita ieri con un settimanale.” E già lì la metà degli italiani è stata colta dal dubbio che Loredana al momento sia allegata con Gente tipo canestro galleggiante. Con grande sensibilità ha poi aggiunto che in studio avrebbero fatto una specie di sorteggio per decidere chi dovesse comunicare ad Albano la decisione della Lecciso di lasciarlo. Nel frattempo gli autori si stavano consultando sull’ipotesi di organizzare un bel televoto per far decidere agli italiani se la bella notizia ad Albano gliela dovesse dare il marito della Quaranta, Domenico Zambelli o il travestito Patrizia. A quel punto è arrivata la toccante testimonianza del direttore di Gente Pino Aprile, uomo di grandi sentimenti e amico personale di Albano, che ha confessato di essere stato vicino alla Lecciso in questi momenti dolorosi, dandole consigli sofferti e disinteressati quali: “Se devi prendere una decisione preferisco tu lo faccia sul mio giornale.” Riguardo la solita Antonella Elia ho da darvi finalmente una bella notizia: ora sappiamo il perché è tanto schizzata. E’ ormai più che lecito sospettare che un Capodanno di parecchi anni fa le sia scoppiato un petardo troppo vicino. La prova l’abbiamo avuta stasera grazie alla sua posa composta sullo sgabello: porta ancora le mutande rosse di quella notte sciagurata. E’ poi arrivato il momento tanto atteso: il ritorno di Enzo Paolo Casella dopo 21 giorni di sequestro. Per lui una bella novità: dopo i fatti di questa sera, da testimonial dell’892, passerà ad essere testimonial della “Preparazione h” honoris causa. Va comunque dato atto a programma e conduttrice d’aver trattato l’argomento con eleganza. Per farla breve, lui è entrato definendosi “il sedere più famoso d’Italia”, ha chiarito di aver avuto problemi di culo e la Ventura ha replicato che quando era incinta ha avuto le emorroidi anche lei ed è così che come per magia i toni sono rimasti decisamente soft. Comunque io al posto di Enzo Paolo continuerei ad esser preoccupato per il mio sedere perché la moglie una volta tornati a casa gli darà tanti di quei calci in culo che s’accomoderà su una ciambella per un’altra decina d’anni. Sul caso umano Enzo Paolo va poi sottolineata la sua metamorfosi in studio, a migliaia di chilometri da Samanà e soprattutto dai suoi compagni d’avventura: con una certa strafottenza ha dato della “biondina” alla Santarelli, è stato cazzuto con Albano, insomma, Enzo Paolo è uno di quei cagnolini che al guinzaglio, col padrone, fanno i coatti. Sciolti e senza padrone al primo gatto spelacchiato che passa scappano con la coda tra le zampe. Ora scusate, ma il dubbio che mi attanaglia è :

quello descritto stasera con delle oscure metafore dalla Ventura era il grave e misterioso trauma che Albano ha risvegliato nel suo “animo” fragile? Ora vabbè che Albano l’ha talmente sfinito che l’ha costretto al ritiro e dunque si potrebbe concludere che gliel’ha messa lì, ma davvero siamo stati una settimana ad arrovellarci su cotanto problema? Fortuna che a chiudere l’imbarazzante argomento c’ha pensato la Parietti ponendo ad Albano la seguente domanda: “E’ vero che hai cucinato il pesce sulla pala destinata a coprire di sabbia gli escrementi?”. L’arrivo di Romina Junior in studio ha portato una ventata d’allegria pari a quella portata dall’uragano Katrina a New Orleans. Oddio. A me la fanciulla fa anche pena. Questa povera ragazza ha incaricato la Ventura di leggere una lettera strappalacrime al padre e il padre non solo non ha versato una lacrima ma ha scritto sulla lavagnetta “tvb Uga” ricordando così, a chi fosse sfuggito, il bel soprannome fantozziano affibbiato alla figlia. Romina Junior è decisamente fragile e confusa, ma c’è da capirla: la madre le parla un po’ in italiano e un po’ in inglese, il padre le parla in pugliese e come se non bastasse t’arriva la Ventura che le dà il colpo di grazia domandandole: “Romina, se tu avessi saputo che ci fosse stata la riunificazione sulla spiaggia ci avresti messo quel quid in più?” Pare che in quel preciso istante Lapo Elkann si sia risvegliato di botto visibilmente agitato domandando preoccupato ai medici: “Chi ha usato i miei congiuntivi? Chi ha usato i miei congiuntivi?”. Sentimenti di grande tenerezza ha suscitato anche la sua malinconia per non aver avuto l’opportunità unica e irripetibile di passare del tempo con suo padre.A Samanà. Mi permetto di ricordare a padre e figlia che a gennaio c’è l’aurora boreale in Finlandia, perché non colgono l’occasione per andarsi a prendere insieme un cono fargola e puffo a Helsinki? Potrebbe essere un’occasione semplice no? Su Interrante questa settimana c’è poco da dire : gli sono usciti gli zigomi della Ferilli per cui lo vedremo presto in una fiction con la stampa che ce lo spaccerà per l’erede della Magnani. Ora mi tocca. Passiamo alla questione Albano.(e sarò rapida perchè sono leggermente nauseata) Questa sera s’è vista con chiarezza la grande umanità di quest’uomo. Tralasciando il fatto che fin da inizio puntata la sua faccia era palesemente quella di chi sapeva già tutto, gli comunicano che la sua compagna ha deciso di mollarlo, di abbandonare la casa di Cellino e di portare con sé i due figli e lui cosa dice? “Le faccio i miei migliori auguri. Avevo messo al mondo due figli con lei. Pazienza!” Non è che prende, parte e va e risolvere la questione figli, no. Resta lì a fare il falò con Maria Giovanna Elmi. E la Ventura: “Bravo! Sei un grande uomo! Mi hai dato prova del grande padre che sei. Tu sei un esempio!” E ancora: “E’ terribile che Loredana te l’abbia comunicato attraverso la stampa!” E lei che glielo dice in diretta nazionale? Perché non gliel’ha detto un autore dietro ad una palma come hanno fatto con Fulco Ruffo di Calabria?” E lui: “E pensare che avevo scelto una donna della mia terra perché volevo uscire dal mediatico!” Cioè, si trova sull’isola dei famosi in cui è andato in compagnia della figlia a commentare in diretta nazionale l’abbandono della sua compagna avvenuto mezzo stampa, comunicatogli da Simona Ventura con l’ausilio del direttore di Gente e voleva uscire dal mediatico? E sempre mosso da grande umanità chiede a Interrante di nominarlo cosicché abbia l’opportunità di tornare a casa a risolvere i suoi problemini senza perdere un euro del suo cachet di 750 000 euro (perché chi esce volontariamente perde tutto). Signori: un uomo che mette gli affetti davanti ad ogni cosa. L’unica nota positiva della serata è che Idris, il nuovo arrivato, è stato accolto senza un filo di razzismo e con una serie di battute di gran gusto. La Parietti, che domani racconterà a Rakam di avere lei e non Albano il merito del picco d’ascolti della serata, se n’è uscita con un felicissimo: “Idris non sa nuotare come la maggior parte degli uomini di colore. “ Ci mancava che aggiungesse: “Lì si troverà benissimo perché la maggior parte degli uomini di colore manco mangiano!” e stavamo a posto. Daniele Interrante ha commentato : “Idris qui si troverà bene, per lui è più facile ambientarsi qui nella giungla!” Elena Santarelli ha aggiunto: “Idris mi ricorda una barretta di cioccolata fondente!” Segnalo infine l’immancabile frase della serata. Alba Parietti: “La Del santo è di uno staticismo incredibile, pare che niente la scalfigga!” p.s. Le foto a corredo dell’articolo sono un chiaro invito a lasciar dentro l’uomo giusto.

Leave a comment

name*

email* (not published)

website