Navigate / search

Sanremo (prima parte)

LA “SELVAGGIA RIFLESSIONE” DELLA VIGILIA Tra i GIOVANI in gara ci sono: – Simone Cristicchi (quello di “Vorrei cantare come Biagio”) – L’Aura (quest’ultima in classifica con 3 singoli uno piu bello dell’altro, sono un pò di parte). Tra i BIG invece ci sono i Ragazzi di Scampia. Da dove vengono? Il nome la dice lunga, immagino che vengano da Scampia, ma chi sono? E poi ci sono: – Sugarfree (un disco come Cristicchi) – Zero Assoluto (un solo singolo in classifica, quindi molto meno di L’Aura) – Luca Dirisio (un disco e qualche singolo). Non vi sembrano palesemente errate queste distinzioni? Non era meglio creare una categoria “Giovani Big” o “Big Emergenti” (o come diavolo vi pare) in aggiunta alle altre tre (uomini, donne e gruppi)? Se fossi in Cristicchi o L’Aura m’incazzerei come un’ape. Ma anche nei panni degli altri dieci “giovani”, che se la vedranno con questi due “mezzi-Big” non sarei proprio felicissimo. Voi che ne dite?

LA PRIMA SERATA Lo ammetto: ho seguito i primi cinque minuti della noiosa introduzione di Panariello poi mi sono addormentato. Non capitava dai tempi di Magnum P.I. in prima serata, in cui solevo addormentarmi dopo la sigla. Al risveglio ho assistito alla performance di Gianluca Grignani (voto 6: sempre meglio che svegliarsi con un Finizio tra i Big). Poi è stato il turno della Oxa (voto 6,5: più nera di Morticia Adams interpreta il suo brano leggendo fogli volanti) e di Anna Tatangelo (voto 5: la solita canzuncella targata D’Alessio). Un salto in cucina e tra un’orecchietta e l’altra ecco le classifiche provvisorie: tra le donne è in testa Dolcenera, tra gli uomini Michele Zarrillo e tra i gruppi i Nomadi. Ma come Grignani e la Oxa ultimi? Allora mi son visto la creme della creme! 🙂 IL “DOPOFESTIVAL SELVAGGIO” DELLA PRIMA SERATA Tutti incazzati neri con la Oxa perchè non rispetta il regolamento: ha cantato (?) per più di tre minuti. Tutti remano dalla stessa parte: Mario Venuti promette una spremuta de’ sangue (detto da uno che canta con gli Arancia Sonora), Zarrillo le tatuerà una rosa blu in fronte, Peppe Vessicchio propone la squalifica per varie scorrettezze (durante il canto pare che la Oxa abbia persino sputato in faccia a Totti) e John l’ha Travolta con il suo jet. Tutti incazzati anche con i Ragazzi di Scampìa, che credevano di partecipare in goppa ao Vesuvio: “nu quart’e luna, ,o’ friddo ‘mpietto e nu pizzeco ‘e luce d’int’o core?”. Dopo queste premesse vi annuncio che non perderò la seconda serata per nessun motivo.

LA SECONDA SERATA In compagnìa della giuria di qualità composta dal noto lirico Vassili Kandinski (sotto la doccia è meglio di Carreras), Filippo Potamo (esperto usignoli stonati) e del prode Gavatta (collega dj di Radio Playa) ho seguito o perlomeno c’ho provato, la seconda serata del Festival. Dopo aver ascoltato attentamente(?) i brani, la “selvaggia giuria di qualità” premia Anna Tatangelo con una sufficienza complessiva (Kandinski dice: “canzone che si mangia, cantante con la frangia“) e boccia clamorosamente tutti gli altri. Il Festival intanto spedisce a casa un concorrente x ogni categoria: fuori la lacrimante Oxa tra le Donne, più apprezzata per l’interpretazione che per il brano, fuori Grignani tra gli Uomini ma ovviamente non sono troppo d’accordo e fuori Mario Venuti & Arancia Sonora tra i gruppi (perder con Finizio & Ragazzetti non rende loro giustizia). Stasera si respira, c’è l’Italia? No, c’è Selvaggia. ANTEPRIMA TERZA SERATA Questa sera lotta televisiva tra Sanremo e il Grande Fratello. Nell’incertezza credo che andrò al cinema a vedere l’ultima fatica del buon Clooney. Ma sono ancora in trattative 🙂 Diamo un occhio alla scaletta del Festival: Bencini da Cuba, i Nomadi, il Britti, la Spagna, i Pirenei Zeriassoluti, L’elefante e la farfalla, Zarrillo, Dolcenerina, Carlo Fava & Noa, Dirisio (canterà “Sparirò”). Tra i giovani aprirà la mia preferita: L’Aura. Mi dicono un gran bene anche di Ivan Segreto. Staremo a vedere. Forse. Consiglio la visione del festival senza audio-Rai1 e con audio-Radio2, ci sono i Gialappi. Per i nostalgici dei vecchi big (non io) consiglio Canale 5, al GF sono previsti Al Bano e Loretta Goggi. Ma perchè? A dopo.

LA TERZA SERATA Niente Clooney. Ho dovuto assistere ad un folle zapping tra i due eventi trash: SANREMO: eliminati Dirisio (il suo sarà uno dei pochi brani che venderà), Noa & Fava (non son riuscito a sentirli) e Spagna (non ho voluto sentirla). Vanno in finale, tra gli altri, i favoritissimi Zarrillo (canzone tipicamente sanremese che nessuna radio si cagherà mai) e Dolcenera (la prossima volta che la vedo le chiederò chi la veste, stasera era un perfetto incrocio tra Michael Jackson e Peter Pan). Tra i giovani passa colei per la quale tifo spudoratamente e altri due (un certo Orecchio che mi ricorda l’ex leader dei Vernice e un tizio con la chitarra). GF: Fuori il bel sorrisone con neo sul labbro di Isa confermando il tipico verdetto-reality per cui non vincerà mai una bella ragazza, sempre che non sia stata tradita davanti a tutta Italia o che non abbia avuto un’infanzia impossibile con padre Pacciani o madre di Cogne. Resta in casa l’anonimissima figlia di Patrizia (non so nemmeno il nome). Al Bano s’improvvisa Vissani e cucina per i ragassi, la Goggi aiuto-cuoco taglia formaggio a striscioline (sono proprio dei bei momenti). In nomination vanno la madre dell’anonima e il poeta sempre più arrapato. CONDIZIONI DEL SUPPLENTE: Deve ancora riprendersi dal non-saluto. Matteo Pedrosi, il Selvaggio e_mail: mattpedro81@hotmail.com Links del Giorno: Uno in meno (Supplente Blog) Selvaggia vince ancora

Leave a comment

name*

email* (not published)

website