Navigate / search

Claudio e Paris come Fruttero e Lucentini

Non tutti ne sono a conoscenza, ma la rara bruttezza del nuovo spot Tre con Claudio Amendola e Paris Hilton (” Piacere sono Claudio, Claudio Amendola!” . “Io sono Paris, Paris Hilton!”. ” Non credevo che tu fossi così!”) si spiega in un modo molto semplice: Paris ha accettato di girare solo a condizione di firmare anche la sceneggiatura. Pare che in realtà Paris, armata di buona volontà, avesse sottoposto alla compagnia telefonica ben due sceneggiature e che la scelta sia ricaduta su quella che conosciamo perchè l’altra è stata considerata decisamente complessa per il target di riferimento. Ecco il dialogo scartato: “Piacere. Sono Claudio, Claudio Amendola.” “Io no.” “Ah infatti me pareva che te chiamavi diverso.” Sempre secondo indiscrezioni, sembra che quando Amendola è venuto a conoscenza della cosa, abbia tentato, con scarso successo, di imporre una sua sceneggiatura. Eccola: “Piacere sono Claudio Claudio Amendola.” “Piacere, sono Paris, Paris Hilton.” “Ahò. Te devo confessà ‘na cosa. Nell’albergo de tu’ padre a Fiumicino me so’ bevuto ‘na bottiglietta de Sambuca der frigobbar e poi l’ho rabboccata con l’acqua del rubinetto pe’ non pagà.” Se avete trovato i dialoghi scartati di un certo spessore letterario, non disperate. Magari li riciclano per i prossimi spot in cui Amendola fa le pinne con lo scooter mentre Paris si fa la pulizia del viso coi vapori della marmitta.

Leave a comment

name*

email* (not published)

website