Navigate / search

Spigolature da Sanremo

Curiosità varie: – Prima di ogni intervista l’ufficio stampa di Amedeo Minghi si raccomanda di chiamare il cantante “Maestro”. Dice che lui ci tiene parecchio. Mah. – Piero Chiambretti non ne può più di fare foto promozionali con Baudo in cui Pippo fa il serio e lui fa le facce simpatiche. Pare che vada in giro dicendo: “Ho cinquant’anni, non posso continuare a fare facce da pirla per i giornali!”. – Si mormora che tra i protagonisti del dopofestival Elio e Lucilla Agosti non ci sia una gran simpatia. Si rivolgono a malapena la parola. Pare che lei dovesse recitare la parte della ragazza ironica e bersagliata dalle battute di Elio e il resto del gruppo mentre s’è messa a fare la primadonna istituzionale. E a Elio non è andata giù. – L’entourage di Baudo è entusiasta della Guaccero ed è pentitissimo di aver scelto Andrea Osvart perché difficilmente utilizzabile sul palco. Della serie: pensarci prima no? – Mietta appare abbacchiata. Pare si sia mollata col fidanzato e sia qui con poca voglia di cantare. – Loredana Bertè ha una ragione esistenziale per fare una delle sue solite scenate: nel celebre hotel Royal la sua stanza è più piccola di quella di Fabrizio Del Noce.

Leave a comment

name*

email* (not published)

website