Navigate / search

Spigolature

Meriterebbe un atto di clemenza perchè da decenni sopporta quella nota stracciamaroni di Simona Izzo, ma non posso tacere: giuro che ogni volta che lo vedo affannarsi per strappare un sorriso nella pubblicità “Ponti” io Ricky Tognazzi lo calerei lentamente nella calce viva. Non vi saprei neanche dire il perchè, è un fatto epidermico, una roba che mi procura fastidio tipo gessetto sulla lavagna, spazzolino asciutto sul palmo della mano, ronzio di zanzara nell’orecchio. Seconda questione: ho visto qualche scena della nuova fiction con Manuela Arcuri e Gabriel Garko. Ora, non che Garko sia De Niro ma va detto una volta per tutte: Manuela Arcuri sta alla recitazione quanto io al rock’n roll acrobatico. Intanto è l’unica romana o giù di lì che deve recitare in romanesco e per ragioni misteriose le esce un dialetto che è a metà tra il brianzolo e il ” Scusate, c’ho un’afta in bocca”. Poi ‘sta donna conosce solo tre espressioni: a) stupore con tanto di occhi e bocca sbarrati che anzichè Garko sembra le si pari davanti un cobra reale b) moto di rabbia, con la faccia credibile che aveva Frattini quando salutava calorosamente Gheddafi. c) faccia lacrimosa tipica della showgirl media quando le comunicano che i vestiti per il red carpet Gucci li rivuole indietro, ‘sta cippa che glieli regala. Terza e ultima questione: il costumista di Jessica Alba sbarcata a Venezia per il festival, ha preso per sbaglio un remo in testa da un gondoliere?

Leave a comment

name*

email* (not published)

website