Navigate / search

Un’altra Costa alla deriva: la Costamagna

I momenti tv Eva contro Eva sono sempre imperdibili. E memorabile è stato anche lo scontro tra la conduttrice disperata Eva Longoria Costamagna e la sexy maliarda ex ministra Eva Mendes Carfagna. Ne è uscita, a pezzi, la Costamagna. Che ha sbagliato tutto. E più precisamente, punto per punto: a) Le argomentazioni tipo “perchè dopo che lei è diventato ministro ha cambiato immagine?” non sono materiale con cui incalzare l’avversario Carfagna. Ovvio che èsta donna non poteva fare il ministro conciata come quando regalava il vaso cinese ai telespettatori. Era argomento da battuta, che andava detto per prenderla amorevolmente per i fondelli, non per costruirci un’accusa. b) Io fossi stata la Costamagna, avrei applicato il metodo Carfagna. Un po’ di trucco in meno, il boccolo più floscio, la gonna più lunga. Se sei l” a mettere i puntini sulle i in stile maestrina e l’argomento principe è che Mara è una showgirl promossa a ministro, l’abito fa il monaco. E alla prima occhiata, non devi sembrare tu, la showgirl che parlava col comitato e cantava “O sole mio” con Magalli. c) La mimica facciale non è un’opinione. E la comunicazione non verbale neppure. La Costamagna faceva più smorfie di Jim Carrey in Ace Ventura-l’acchiappanimali tradendo un certo nervosismo, mentre la sfinge Carfagna incassava impassibile, sorrideva, deglutiva e poi lanciava il missile. d) Di fronte a una che dice con piglio sicuro: “Non ho mai rinnegato il mio passato”, c’è poco da stare a inzigare ulteriormente. L’avesse detto la Melandri, quando Briatore giurava di averla avuta ospite a casa sua a Capodanno a Malindi, l’avesse ammesso che faceva i trenini con Fede e la Zardo a suon di Brigitte Bardot Bardot, sarebbe stata più simpatica a tutti, la sora Giovanna. e) Perchè dire calendario sexy se non era calendario sexy? Perchè andare a cercare lo stereotipo da camionista per svilire l’avversario? Cioè, aveva scheletri nell’armadio ben peggiori ‘sta Carfagna. Poteva dirle “Lei ha condotto un programma con Davide Mengacci!” e l’annichiliva. Altro che calendario sexy. f) Che razza di domanda è “» più simpatico Berlusconi o è più simpatico Santoro?”. Che minchia di domanda è “Berlusconi è brutto e vecchio?”? E perchè non “preferisci mamma o papà” allora? “Meglio Branko o Paolo Fox”? o “Come nascono i bambini? o “Meglio al latte o fondente”? Ma chi gliele ha scritte le domande? Moccia? g) Diciamocelo. La battuta sui pettegolezzi riguardanti la Costamagna e Santoro è stata un piccolo capolavoro di strategia bellica. Qui l’abilità della Carfagna è stata memorabile. La sensazione è questa: il modo in cui Mara l’ha appoggiata, buttata l”, quasi sussurrata ad occhi bassi, lascia intendere che era il suo asso nella manica. Che tutto sommato se la sarebbe anche risparmiata, se l’altra non fosse ricorsa ai colpi bassi. Della serie: io non la uso, ma se mi costringe, so’ cazzi della bionda. h) Che razza di difesa è : “Quando sono andata a lavorare con Santoro io ero già giornalista”?. Allora l’altra quando è stata nominata ministro era già consigliere regionale, se la vogliamo mettere su questo piano. Anzi, se la vogliamo mettere su questo piano, la Toffanin è giornalista, Iva Zanicchi ha scritto un romanzo e Sara Tommasi è laureata alla Bocconi. i) Sempre a proposito di espressioni facciali. La vera notizia è che la Carfagna non ha più l’occhio sgranato di chi ha appena visto Boateng senza mutande. S’è ammorbidita. La Costamagna, invece, ha la faccia di quella che ha visto Telese, senza mutande. Della serie: meglio zitella. E comunque, io una spiegazione sull’accaduto ce l’ho. Il programma su Rai 3 è una copertura. Luisella Costamagna è in realtà il nuovo ufficio stampa di Mara Carfagna. Neanche Lucherini, dopo tutto quello che s’è detto di lei, sarebbe riuscito a trasformarla, dopo sei minuti di intervista su Rai 3, in una gradevole, pacata, ragazza normale. Manco se l’avesse intervistata Mollica, ne sarebbe uscito un ritratto migliore. E come ha scritto qualcuno sul mio twitter: la Costamagna è alla deriva, come tutte le Costa, di questi tempi.

Leave a comment

name*

email* (not published)

website