Navigate / search

Video hard del consigliere spagnolo: ecco il mio pezzo su Libero

Il mio pezzo su Libero di oggi sul caso del consigliere comunale spagnolo e il video hard:
E niente. Meglio non avere un consigliere comunale o regionale in giro per casa, di questi tempi, perchè combinano dei casini inenarrabili. Le ultime sulla Minetti sono ormai cosa nota e le gesta di questa creatura mitologica metà donna e metà Birkin ormai le conoscono pure le tribù boscimane. Poi c’è la vicenda dell’ingenuo consigliere comunale che si lascia andare a pratiche di onanismo spinto e suicida confidando nella descrizione del destinatario e si ritrova la sua performance da traditore disinibito e senza freni su web e tv. Non sto parlando di Favia e delle sue corna pubbliche a Grillo nel famoso video mandato in onda da Formigli (benché nella categoria hard “ha fatto tutto da solo” la sua prestazione meriti riconoscimenti seri), ma della bionda Olvido Hormigos, il consigliere comunale spagnolo il cui video hot ha fatto il giro del web e anche quello delle bocciofile di tutto il mondo. A una prima lettura, la storia potrebbe sembrare una storiaccia sì a luci rosse, ma banale. Lei, sposata con due figlie, gira un video piuttosto spinto in cui, come dire, fa una seduta senza l’ausilio della giunta, e via whatsapp lo invia all’amante, che è un portiere della squadra locale (in)felicemente fidanzato. Il portiere, che a quanto pare nella competizione “portieri più furbi d’Europa” è secondo solo a Buffon e ai suoi investimenti milionari in tabaccheria, lascia il cellulare sul comodino accanto al burro cacao e la fidanzata lo sgama. Non solo. Decide che quel video deve apparire sullo schermo di ogni cittadino della comunità europea pure infilando Super Mario Bross 2 nella Wii e lo schiaffa in rete. E qui comincia il bello, perchè la storia assume contorni e colori decisamente vari e appassionanti. Tanto per cominciare, visto che i primi giorni non si sa chi abbia diffuso il video, inizialmente si pensa a una pista politica. Avete capito bene: politica. A Los Yebenes, paese della provincia di Toledo che per la cronaca ha lo stesso numero di abitanti di Montelepre, ci sarebbero faide politiche, vendette e operazioni di spionaggio che manco nella Russia di Breznev. Secondo la consigliera, che pur di spostare l’attenzione dal primo piano di lei che ansima come un cammello alla quarta duna, sparerebbe qualsiasi boiata, il sindaco avrebbe diffuso il video da un account del comune. Come no. A parte che il sindaco medio sa di informatica quanto io di decottopia, sarebbe interessante capire perchè la Hormigos sarebbe così temibile da andare eliminata manco fosse il Bin Laden in gonnella della Castiglia. Voglio dire, una che manda via whatsapp video hot con le sue tette ballonzolanti con la serenità d’animo di chi invia le foto di Sharm con le stelle marine, non mi pare così scaltra da andare fermata prima del colpo di stato. E infatti, l’ipotesi dura poco. Caduta la pista politica, prende piede quella della commedia popolare. Quella della versione “Sex and paella” con la Carrie castigliana a cui è partito l’ormone per il calciatore giovane. E la verità pare sia proprio questa. E’ una moderna storia di milf power, altro che politica. S’è capito subito che il problema, più che di giunta, era con si fosse congiunta, la signora Hormigos, perchè a quel “Il video era un regalo per mio marito!” non ci aveva creduto nessuno. Parliamoci chiaramente. Dopo anni di matrimonio e due figlie, via whatsapp a tuo marito mandi al massimo il pnr del biglietto Trenitalia quando va a portare i figli al mare dalla suocera, non certo un video in cui fai quello che l’ultima volta che t’ha visto fare in sua presenza tuo marito, c’era Pertini presidente. E io me l’immagino, ‘sto povero marito. Che per ironia della sorte (ve l’ho detto che questa storia è avvincente), fa il muratore in una ditta dell’Opus dei. Me l’immagino mentre guarda quel video e resta pietrificato con la cazzuola in mano mentre nel cantiere si organizzano proiezioni di massa nella betoniera del calcestruzzo. Me l’immagino, soprattutto, quando realizza che tutto ciò più che opus dei è opus di un portiere nerboruto di 27 anni che magari andava pure ad applaudire allo stadio la domenica. E che s’è fatto irretire dalla moglie del povero muratore non più giovanissima ma ancora piacente, molto mechata, molto truccata, molto in carriera e, come video racconta, con la classica tetta rifatta da milf d’ordinanza dotata di alibi incontestabile “Dopo che ho allattato m’ero svuotata”. “Non ho fatto niente di male, non mi dimetto”, ha dichiarato la consigliera. Che poi è quello che ha dichiarato pure la nostra, di consigliera. Che poi è quello che ha dichiarato pure il consigliere grillino. Nessuno si dimette. Solo che tra i tre, la Minetti s’è mollata con Corona e la Hormigos probabilmente verrà mollata dal marito, per cui l’unico consigliere che perdurerà nel vizio è di sicuro Favia: lui sì, che verrà trombato presto. Casaleggio non vede l’ora.

Leave a comment

name*

email* (not published)

website