Navigate / search

Apro la posta e trovo questo messaggio. Giuro, io…

Apro la posta e trovo questo messaggio. Giuro, io uno che mi scrive una mail così, potrei sposarmelo sul serio.

Ciao Selvaggia,

salto direttamente tutti i convenevoli del caso e i vari complimenti – immagino quante persone ti ci annoino ogni giorno – e vengo al dunque.

Voglio sposarti. Non devi preoccuparti di nulla, ho già preparato tutto.
La cerimonia si svolgerà Sabato 29 settembre presso la piccola chiesa di San Michele di Santarcangelo (Rn). Di lì, a piedi, ci sposteremo presso un ristorante che è lì a pochi passi.
Mi sono già occupato di tutto ciò che riguarda la cerimonia, fiori inclusi. Ho scelto per te un vestito che esalti le tue forme. Le mie cugine di 6 e 8 anni ci faranno da damigelle e potremo deriderle per la loro inadeguatezza alla tua bellezza.

Ah, dimenticavo, la cerimonia ̬ alle 10:30 in modo da essere a tavola prima di mezzogiorno: alle 15:00 devo essere al Manuzzi per Cesena РVarese e c'̬ sempre il rischio di beccar traffico.

Ovviamente non mi conosci e capisco che non puoi fare un passo talmente importante "al buio", passo quindi a presentarmi: come avrai intuito dal mio nome, sono di origini patavine, ma ho ormai un bell'accento romagnolo, coadiuvato da un dolcissimo difetto di pronuncia. Sono 1,85mx78kg, capelli castani, forti come quelli di Alec Baldwin, modellati in una morbida pettinatura evidentemente gay. Ho occhi castano-verdi illuminati dal mio amore per te. Ho un tatuaggio sulla schiena con una scritta che recita "Ho un tatuaggio sulla schiena con una scritta che recita".

Adoro cucinare e rassettare la casa quindi, se tu sei d'accordo, potrei fare il casalingo. In alternativa posso valutare se mettere su un piccolo giro di sostanze illecite atte a coadiuvare l'erezione o di merendine non vendibili singolarmente vendute singolarmente, perché ho paura delle droghe. Ho comunque progetti paralleli che sono certo andranno a buon fine: dal vendere la dignità imponendomi come nuovo Fabio Volo a, in coppia con un amico che per discrezione (è piuttosto famoso) chiamerò D.D., scrivere la risposta italiana a "cinquanta sfumature di grigio" introducendo nell'immaginario sessuale delle donne italiane la fondamentale figura dei nani. In alternativa, sempre con questo amico, stiamo vagliando la stesura di una sceneggiatura copiata pari pari da quella de "Gli uccelli" con ippopotami volanti al posto degli antipatici pennuti.

Amo il cinema italiano d'autore e la musica del cazzo, leggo q.b. in condizioni normali con picchi in assenza di una connessione internet decente. Ho un cassetto in camera in cui tengo delle merendine e dei succhi di frutta. Fino a qualche giorno fa in camera avevo anche un tostapane. Amo sedermi nei bar del centro storico e guardare i bambini che inciampano nel ciottolato. Scambismo e alcolismo sono ormai parte del mio passato, posso quindi prometterti un rapporto stabile. Sto facendo un mosaico raffigurante il tuo bellissimo corpo usando solo cocci di bottiglie rotte in risse tra rumeni avvenute a Savignano sul Rubicone (Fc). Raffigura te molto abbronzata perché bevono molta Peroni.

Oltre al calcio, la mia più grande passione si svolge nei parcheggi pubblici ma, come detto, ho abbandonato lo scambismo. Semplicemente amo posizionare la mia lussuosa Y10 un po' troppo avanti rispetto alle macchine parcheggiate a fianco in modo che coloro che sopraggiungono in cerca di un posto libero si illudano di averlo trovato.

Vorrei essere ricordato per la mia risata asinina.

Completamente tuo, KK

P.s.: In caso tu accetti, comunicami il numero dei tuoi invitati. Se porti qualcuno che lavora a Libero, fa sapere per tempo che gli do un tavolo del cazzo.

Leave a comment

name*

email* (not published)

website