Navigate / search

Perché Suor Cristina ha vinto The voice

Prima di parlare della vittoria di Suor Cristina a The voice, urge spiegare il format per quei milioni di italiani che non l’hanno visto. The voice, in parole povere, è più o meno così congegnato: inizialmente i quattro giudici se ne stanno con le poltrone girate mentre i concorrenti cantano per non vedere chi canta e il pubblico da casa se ne sta a sua volta con le poltrone girate per non vedere com’è vestita Noemi. Poi i giudici vengono scelti dai cantanti più o meno con i seguenti parametri: quelli che hanno bisogno dei consigli di una zia scelgono la Carrà, quelli che hanno bisogno di Bella zia! Scelgono J Ax, quelli che hanno bisogno di una pettinata come la zia rimasta zitella scelgono Noemi, quelli che non si lavano i capelli da una settimana scelgono Piero Pelù. A quel punto, sbrigate le formalità per far sembrare il programma un format inedito, inizia X Factor.  Terminate le doverose premesse, andrei a commentare la vittoria di Suor Cristina, partendo dalla sua storia. Alcuni anni fa Suor Cristina aveva partecipato alle selezioni di Amici ma era stata scartata. Nessuno sa come mai all’epoca non ne sia stato compreso il talento, ma secondo voci di corridoio, al provino Cristina aveva dichiarato: “Intendo sposare Gesù” e come noto ad Amici non viene ammesso un concorrente etero da almeno sei anni. Pare anche che la De Filippi avesse tentato di dissuaderla da una scelta così estrema e che lei avesse risposto: “Sempre meno estremo sposare Gesù che Maurizio Costanzo!”, ma anche queste sono mere illazioni. Fatto sta che dopo aver risposto alla chiamata di Gesù, Suor Cristina ha risposto a quella di J Ax e puntata dopo puntata ha conquistato il pubblico da casa fino ad accaparrarsi la schiacciante vittoria di ieri sera. I motivi del trionfo sono parecchi e vado ad elencarli:

a) con la sua faccia pulita da eterna fanciulla alla Debora Serracchiani e voce limpida alla Cristina D’Avena, Suor Cristina è stata l’anti Conchita. Non ha la barba e non è nemmeno una di quelle suore coi baffi in cui tutti noi ci siamo imbattuti una volta nella vita. Tutti i Giovanardi d’Italia hanno visto in lei il riscatto, la controffensiva apostolica alla barba satanica di Conchita Wurst e l’hanno votata in massa. Lei a Gesù ha offerto il suo voto, gli italiani il loro televoto. A questo punto resta solo da capire quale sarà il passo successivo nel prossimo talent canoro: il prete con le extension? La badessa mangiafuoco? Don Mazzi coi dreadlocks? Suor Lara Comi?

b) Il merito del trionfo è anche del suo coach J Ax. Che diciamocelo: è un gran paraculo. Consumatore abituale di metafore che neanche la Mazzantini sotto l’effetto di un fungo messicano, ha finto con mefistofelica furbizia, di credere fermamente nelle doti canore di Suor Cristina. Lei cantava e a ogni acuto un suo tatuaggio fumava come l’anticristo a contatto con l’acquasanta, ma sorrideva e “spacchi!” e “bella zio!”. E sebbene a ogni suo duetto con Suor Cristina un rapper dall’altra parte del mondo morisse, lui continuava a guardarla come fosse Rihanna. A J Ax interessava vincere e sapeva che suor Cristina era il suo cavallo mediatico migliore. Fossi Grillo, J Ax me lo prenderei come consulente alla comunicazione. Per Beppe, il miglior cavallo mediatico da reality è Rocco Casalino e poi si chiede perchè Renzi prende il 40%.

c) Suor Cristina ha vinto perchè è un panzer. Profetico il titolo della canzone che ha cantato durante la finale “Lungo la riva”. Ecco, lei lungo la riva ha visto passare i cadaveri di tutti i concorrenti e perfino dei giudici. Li ha asfaltati tutti. Perfino gli intoccabili, perfino i più venerati. Ci voleva una suora per asfaltare la Madonna Carrà, che è entrata trionfante con i mezziguantini e è uscita mesta da mezzacalzetta.

d) Suor Cristina ha vinto perchè il look da suora funziona. La Bignardi c’ha fondato una carriera. e) Da Madonna crocifissa sul palco a Lady Gaga che resuscita Gesù, sulla scena musicale mondiale s’era visto di tutto tranne una suora che vince e recita il Padre nostro. Chiaramente, ora tutti sogniamo che Suor Cristina D’Avena sbrocchi, si faccia possedere dal demone della popolarità e twerki su un palco come Miley Cyrus, ma le prospettive sono assai più modeste. Al massimo, si concederà un duetto con Padre Maronno e quindici copertine di Dipiù con allegati un suo cd e le carte da ramino Modiano. E in fondo, il punto debole di questa vittoria è proprio questo: il futuro discografico di Suor Cristina. Perchè vendere fuffa è facile, per vendere cd non basta neanche l’aiuto del Signore. Del resto, Dio creò l’universo, mica l’Universal.

p.s. Ma Papa Francesco l’ha chiamata o ha telefonato solo a Pelù per dirgli che è ora di andare ai giardinetti con Ratzinger?

Comments

giuseppe
Reply

Ha ha ha adesso non do più novanta centesimi a mio figlio per scaricare le canzoncine da i Tunes così impara a non scaricare suor Cristina. Ho votato la Suora, ma mio figlio cui la suora non piace, non ha voluto spendere la paghetta, per votare il suo cantante preferito. Ha ha ha ma esiste in Italia qualche cantante che è stato visualizzato su youtube 52.500.000 volte? Ha ha ha mica la suora ha cantato nuda per essere vista da milioni di persone che bramavano vedere una tonaca in tv, sai che novità. Poveri sciocchi non vi è venuto in mente che la guardavano tutti perché era un fenomeno positivo, senza culo in aria, senza violenza verbale, senza chili di trucco, solo un semplice abito nero e la voce da ragazza normale, però una voce incredibile nel trasmettere emozioni. Ha ha ha se suor Cristina andrà in Brasile a fare il concerto di beneficenza di cui parlava J Ax, farà 100.000 paganti, il povero Giacomo Voli forse 2750 a Correggio suo paese natale. Senza suor Cristina The voice quest’anno non lo vedeva nessuno e così anche Voli sarebbe stato 100° su i Tunes. Ha ha ha che patetici, ne hanno parlato bene Whoopi Goldberg , Alicia Keys, Gianni Morandi e Roberto Vecchioni, male Emma e la Lucarelli e quel gelosone di padre Cionfoli che voleva l’esclusiva dei tonaco-cantanti. Ma fatemi il piacere.

Iris
Reply

Io sono una axolizzata nata, ma devo dire che hai proprio ragione! Su tutto! Suor Cristina sarà brava, lo ammetto, ma non è più brava di Giacomo Voli o di Dylan Magon, solo grazie alla veste che porta è riuscita a portare a casa un contratto con l’Universal Music. E poi, che ci fa una suora nel mondo della musica? Non per criticare, ma mi sembra un po’ troppo.
Ciao e adoro i tuoi articoli!

Plinny
Reply

Parole sante!!!

Pino
Reply

Aggiungiamo pure che viene dalla Star Academy dell’altra fulminata sulla via di Damasco: Claudia Koll coadiuvata dal cantante estinto: Franco Simone ed il quadro è completo.
ps. La canzone “Lungo la riva” è ripresa dal brano di Don Backy “La carità” cantata in coppia con Celentano nel film di Totò “il monaco di Monza”.

Leoni Luca
Reply

Ritengo troppo cinico e inadeguato il tuo articoletto. Suor Cristina ha un’aura terribilmente grande e potente, roba che tu nemmeno con 10 alla n citazioni potresti raggiungere. Senza contare il fatto che sei una delle donne più belle che ci siano, non hai il naso storto, gli occhiali da 15enne sfigato coi brufoli, e la veste.
Ti dirò, scommetto che ti ha pure infastidito la popolarità di Suor Cristina sapendo che lei mica se l’è cercata.

LucSwiss
Reply

parole sante.
Sistercristina…non se po sentì!
la metà degli amici americani che ho tutti a condividere le performace canore della sister…un prodotto fantastico per gli states

Leave a comment

name*

email* (not published)

website