Navigate / search

La piaga degli hashtag bimbominkia

Buongiorno amici, oggi volevo sottoporre alla vostra attenzione una questione drammatica della quale si parla troppo poco, ovvero l’utilizzo improprio e criminoso di quella moderna piaga denominata HASHTAG.
Ora. Va bene utilizzarli per associare un tweet o un post a un argomento specifico, ma mi volete spiegare cosa minchia significano le vagonate di hashtag a casaccio, quasi sempre rigorosamente in inglese, a mo’ di didascalia? Ma perché se metti una foto del tuo cane che piscia contro un albero su instagram, io sotto mi devo leggere ‪#‎cool‬ ‪#‎relaxday‬ ‪#‎fashion‬ ‪#‎summer‬ ‪#‎funtimes‬ ‪#‎happyday‬ e boiate varie? Non sarebbe meglio una didascalia modello titolo di quadro impressionista tipo “Cane che piscia su un albero”? Ma soprattutto. Una foto è una foto. Che sia di un mojito sul tavolo del bar o delle vostre chiappe che si rosolano al sole, non è che diventate più social-fighi se la infiocchettate con sintesi imbarazzanti e il prefisso insta, ‪#‎instantgood‬ ‪#‎instantmood‬ e ‪#‎instantdistaminchia‬ . E infine, se proprio dovete scomodare l’hashtag ‪#‎picoftheday‬, che ‘sta foto del giorno sia come minimo quella di un tizio che ferma un carro armato in Piazza Tienanmen, non la foto del vostro nuovo costume a fascia.
E daje su. Basta con ‘sti hashtag bimbominkia. ‪#‎grazie‬.

Comments

marcello82
Reply

posso mettere #sticazzi come hashtag a questo tuo post? :))

Tonino Grossi
Reply

Come gia commentato su Facebook non so se dipenda dal tuo modo di scrivere piuttosto che dal contenuto mai banale dei tuoi blog, ma più li leggo e più mi piaci. Prende sempre più spazio dentro di me l’idea che di una persona come te non ci si stancherebbe mai. Ti ho inviato una email a selvaggialucarelli@gmail.com in risposta a “O mi vuoi o non mi vuoi”. Mi farebbe piacere sapere che l’hai quantomeno letta. Un abbraccio sincero.

roberto
Reply

“Cane che piscia su un albero” il problema è che anche il mio cane ha la stessa abitudine e temo non cliccherei su un hashtag che descrive una cosa che vedo tutti i giorni, però ho una mia foto in cui sollevo con una mano un carro armato in piazza Tienanmen, dici che è da bimbominchia l’hashtag ‪#‎picoftheday mmm si meglio evitare.
Usiamo invece “allenamento al sollevamento pesi”

Alessandro
Reply

Ciao Selvaggia, in sè non è male l’hashtag per indicizzare una foto o un post, ma è l’abuso che se ne fa. Per esempio chiunque compia la ricerca di #picoftheday sul motore di ricerca del social dove hai pubblicato la tua foto, vedrà anche la tua foto se la indicizzi in questo maniera. Un pò diverso perchè perde completamente di significato è usare hashtag come #noncelapossofare , #malemale o #instantdistaminchia.

Chiara Grant
Reply

Concordo pienamente! La maggior parte usa gli hastag senza nemmeno sapere cosa significa. Deficienti!

alberto
Reply

Pensa che io non ho ancora capito cos’è e a cosa serve un hashtag…..
Ho scoperto da poco chi sei ed il tuo blog e vorrei farti i complimenti. Pur scrivendo, nella maggior parte dei casi, di argomenti non propriamente fondamentali per le sorrti dle pianeta, trovo il tuo stile molto gradevole, ironico, leggero e divertente ma sempre formalmente perfetto (cosa che non si può dire di molti articoli anche di giornalisti di nome …).
Il tuo nuovo lettore,
alberto

Blons
Reply

Cara Selvaggia, credo che senza false ingenuità una blogger esperta come te conosca bene la relazione tra hashtag, parole chiave e impressioni degli utenti. Se ciò è invece a te ignoto ti invito a fare un esperimento. Posta un selfie del tuo maestoso décolleté con la frase “autoritratto estivo della mia scollatura”. Poi rifallo scrivendo “my #super #boobs #summer #selfie”… E vedi cosa cambia!

nicola
Reply

Potrebbe essere semplicemente che loro mettono la foto e la scritta va in automatico…

Erika Zold
Reply

Sei fortissima, spiritosa…e molto bella, ti leggo sempre perchè sei profonda quando si tratta di cose serie, ironica e pazza quando devi prendere per il culo il mondo.

jean
Reply

#avanti #namocheèverde #comunquenientedimalecontroiveganimapreferiscovivere #tistimosorella

Raffaele
Reply

Ih ih

Cesare
Reply

#c’hairagione #nonsenepuopiu #hashtaghairotto #instantreply #verycool #thankselvaggia!!!

massimo
Reply

Sacrosanta verità! Io ho eliminato il tasto cancelletto su tutti i miei dispositivi elettronici onde evitare di diventare bimbominkia. Prevenire è meglio che curare

LucSwiss
Reply

c’hai ragione a selvà! ma volgliamo parlà degli hashtag di announo? #iostoconselvaggia, #iostocostoca..
#aveterottoicoglionicostohashtag
nevverp?
#stanzaselvaggiarulez

Leave a comment

name*

email* (not published)

website