Navigate / search

La coalizione che non s’ha da fare

Come abbiamo visto nei giorni scorsi la politica italiana va di pari passo con la cronaca marocchina. Sia in un caso che nell’altro abbiamo assistito ad una spaccatura totale del popolo in due fazioni. In un periodo in cui le sfide a squadre sono molto trendy, chi ci guadagna sono loro, le televisioni. Il popolo si appassiona, l’audience sale, ma i verdetti sembrano non arrivare mai. (per conoscere il nome dei due trionfatori ci sarà ancora da penare). Tutto cominciò con gli exit-poll di un mesetto fa, nei quali in pole-position c’era il trenino guidato spocchiosamente da Kationa Ricciarelli e dal premio-O’scart Leopoldo Mastelloni, seguiti dal campione olimpico Montano (qualcuno mi ha rivelato che la sua dipartita non avrebbe nulla a che vedere con il presunto infortunio, ma sia stata una scusa bella e buona per tornare da Manuelona sua, ucci ucci puzza di cornucci?). Ma anche in quel caso le previsioni si sono rivelate completamente sballate. Il pubblico televotante più orgoglione che coglione non ha perso “la mia stima” sostenendo con successo la selvaggia campagna pernarelliana, riuscendo così a ripristinare un’auspicata parità numerica, indispensabile alla Nostra per affrontare un finale piuttosto tranquillo. I continui “buh” del pubblico in studio rivolti al Cattivi-team e le solenni promulgazioni del Codacons a favore di Selvaggia hanno fatto il resto, donando al Buoni-team una consapevolezza che forse non era nemmeno necessaria. Da ricordare anche la dichiarazione del fidanzato di Justine Mattera durante il surprise-moment: “Sei dalla parte buona, continua così!” Una nota di merito va anche a Nostradamus Cavagna. L’ex Velona infatti, subito dopo la puntata di sabato ha indovinato una previsione sulla Fabiani che, seppur facile da pronosticare, ha dato prova della sua perspicacia: “Sarà interessante vedere che farà ora Alessia! Ha capito di trovarsi nel gruppo sbagliato, tornerà da noi come un cagnolino bastonato! Quella va dove la porta il vento. Falsa e banderuola.” Ed ecco che nella giornata di lunedì l’ex letterina ha proposto alla Mattera una grande coalizione. Pare che Selvaggia e Clemente abbiano già rifiutato dichiarando che governeranno la kasbah con le loro forze. E a conferma del fatto che non esiste regola senza l’ eccezione, è proprio il caso di dire che c’è chi può e chi non può. Matteo Pedrosi, il Selvaggio mail to: mattpedro81@hotmail.com Blog del Supplente Inserisci anche tu il bannerino Pro Selvaggia!

Salvate il soldato Pernarella

Nell’ultima settimana il gruppo si è spaccato definitivamente in due fazioni ben precise:

I BUONI:

 

 

 

I CATTIVI:

 

  

 

 

Ho troppa stima nell’intelligenza degli italiani per pensare che ci siano in giro così tanti coglioni che stanno dalla parte del gruppo-Ricciarellen. :)

La settimana della Nostra è stata abbastanza opprimente. Prima si è scagliata contro di lei Kationa che, sempre più invidiosa e superficiale, ha individuato in Clemente e Selvaggia i nemici più pericolosi e smessi i panni di madre del Montano Aldo, si è calata in quelli di ambasciatrice Unicef pro teste facilmente plagiabili. Ha portato con sè in squadra Noè regalandogli corsi di dizione a go go, ha scelto AlessiaFabbiana come compagna di merende con cui sparlare ed automaticamente si è assicurata anche le prestazioni della consorte dell’Arca e delle Banderuole di Campagna (i quali confondono sempre di più la Fattoria con la Trattoria). Dalla parte dei buoni, oltre ai due capostipiti, ci sono le sorprendenti Cavagnona e Topa Gigia Justine, che si sono dimostrate più intelligenti di quel che potessimo immaginare inizialmente (e non provate a dire il contrario, non vi crede nessuno). Le litigate si sono sprecate: Selvaggia ha affrontato prima Kationa, poi la Fabbiana e poi la coppietta, uscendone sempre a testa alta. Clemente ha reagito alle continue provocazioni del Cugin Ivano distruggendo un vaso cinese (che ci fa in Marocco?).

L’ago della bilancia ora è la sfida di sabato sera e vi spiego il perchè: se il pubblico dovesse mandare a casa il buon Pernarella, la fazione Buoni già in minoranza perderebbe un ulteriore elemento, e che elemento. La dipartita dell’ex centovetrato renderebbe ancora più difficile la villeggiatura marocchina della Nostra che si troverebbe a dover affrontare da sola pericolosi draghi sputafuoco, liriche sputaoffese e letterine sputaperizomi. E’ per questo che chiedo espressamente a tutti voi un piccolo aiuto:

eliminiamo le Banderuole di Campagna mandando un sms al 48244 con scritto: CUGINI DI CAMPAGNA.

Qui però mi sovviene un dubbio simil-Randi. Ricordate la vicenda Ingerman? Per votare i Cugini bisogna scrivere "Cugini di Campagna" o "I cugini di campagna" o " Cugini" o "Banderuole" o "Ivano ti dà una mano"? Nell’indecisione vi consiglio di evitare la pratica sms e di televotare all’ 16476 dialogando amabilmente con l’operatore/trice. 

Ma non è tutto: nella puntata odierna il gruppo dei Cattivi ha teso una trappola ai danni della Nostra: la Biscarda, in qualità di nabbabba della settimana, dovendo scegliere chi mandare in sfida e volendo lasciare la sua carica in mani fidate ha optato per le amichette Katia e Alessia. Le due gentil donzelle a loro volta, dovendo scegliere due compagne di sfida, hanno deciso rispettivamente per Selvaggia e Justine. Il motivo? Scontato. In caso di vittoria della coppia Katia-Selvaggia, Biscarda farà pascià o pascessa la Ricciarella, se dovessero vincere Fabiani e Justine sarà il turno dell’ex letterina. Questo significa che la perdente della sfida appartenente alla fazione Buoni andrà in nomination e se la vedrà col più nominato, che presumibilmente sarà dello stesso gruppo data la minoranza… sempre che San Clemente venga eliminato e che il Gruppo Cattivi non perda l’uso della ragione (quasi più auspicabile la seconda ipotesi). In tal caso rischieremmo seriamente di assistere ad un "Selvaggia contro tutti" non tanto pericoloso ai fini del gioco ma assai pesante e noioso da affrontare per lei.

Staremo a vedere domani sera, nella puntata decisiva del reality.

Forza Selvaggia! Resisti!

Matteo Pedrosi, il Selvaggio mail to: mattpedro81@hotmail.com Blog del Supplente Inserisci anche tu il bannerino Pro Selvaggia!

Rieccomi

Sono ancora vivo, non preoccupatevi. E’ che il cambio dell’orario tanto agognato non ha migliorato la situazione come avevo previsto. L’ultima volta che ho visto la tv alle quattro del pomeriggio avevo dodici anni e ricordo con piacere che facevo zapping tra “Bim Bum Bam” e “Supercar”. Se poi ci mettete anche che la mia vita privata se ne sta andando a rotoli (sarà per quello che la Scottex mi ha contattato per il prossimo spot) e che il mio videoregistratore non ne vuole più sapere di fare il mestiere per cui l’ho profumatamente pagato, il gioco è fatto. Risultato: non vedo le peripezie selvagge da almeno una settimana e qui urgono aggiornamenti. Mi rivolgo a voi, o fedelissimi, per le ultimissime news dal Marocco. Nell’attesa vi annuncio che domani sera non ci sarà il consueto appuntamento con la webcronaca live poichè il puntatone è stato spostato a sabato. Intervallo La bella Selvaggia in versione contadina

Matteo Pedrosi, il Selvaggio mail to: mattpedro81@hotmail.com Blog del Supplente Inserisci anche tu il bannerino Pro Selvaggia!

Fattoria – La settimana

COMUNICAZIONE DI SERVIZIO

Domani sera non ci sarà la consueta webcronaca. L’idea di festeggiare il compleanno guardando “La Fattoria” mi spaventa troppo. Nonostante siano previsti cali di elettricità, non vorrei trovarmi a soffiar le candeline mentre la Ricciarelli canta. Fino a giovedi non riuscirò ad aggiornare il blog, ma per prepararvi al puntatone di domani vi lascio i riassunti delle ultime puntate: GIORNO 44 LA FATTORIA E’ UN GIOCO BARBARO Finalmente il reality è stato spostato alle 16,15. Non è un orario fantastico, ma sempre meglio di prima. La puntata di oggi conferma la suddivisione del gruppo in due tronconi: Selvaggia, Topa Gigia Justine, San Clemente, Cavagnona e Montano da una parte. Alessiafabiana, Kationa, Noè, Biscarda & Cugini dall’altra. I primi sparlano dei secondi e viceversa. Troppi galli nel pollaio, troppe capre nella stalla. Gli autori stanno seriamente pensando di cambiar nome al programma da “La Fattoria” a “Nella vecchia fattoria ia ia oh”. San Clemente sfoga la sua rabbia nell’orto, ove sorgono imprevedibili palestre rustiche, sfoggiando una fisicata degna del frullato d’uomo Schenkenberg. Arca sente il confronto e lo critica aspramente. Alessiafabiana prova a chiarirsi con Selvaggia (pare che Justine abbia mal riportato una frase dell’ex letterina). Segue un confessionale in cui la Nostra trasuda insofferenza “Questo è un gioco barbaro, non so più di chi fidarmi!” Resisti Selvi! Non manca tanto! (a proposito qualcuno sa quanto manca?) Noè e la Biscarda vanno a cavallo in due senza casco e la Ricciarellen, dal cuore sempre vigile, vorrebbe multarli. I due piccioncini litigano per ore, spengo la tv. La riaccendo, sono ancora lì. Noè la implora “Dimmi stronzo, dimmi stronzo!”, lei non vuole. Qualcuno si offre volontario? Fine. GIORNO 43 ERANO ANNI CHE ASPETTAVA QUESTO MOMENTO

Nel bel mezzo della discussione Pernarella-Fabiani, Selvaggia Nostra corona finalmente il sogno di una vita : attaccare l’ex letterina “Ma tu Alessia, che dici sempre di dire quello che pensi, cos’è che pensi di me?”. La Fabiani più turbata che mai le risponde: “Tu sei il punto di riferimento, sei quella che fa parlare tutti, nel bene e nel male, sei la coordinatrice!” Eh? Selvaggia, raggiante come una bimbetta a cui hanno restituito l’intero barattolo di nutella (vedi racconto seguente) confessa: “Erano anni che aspettavo questo momento!”. La querelle non si placa, la Fabiani si sente “aggredita”, perciò Selvaggia affila le unghie ed insiste: “Usi termini che non stanno nè in cielo nè in terra. Non ti ho aggredita. E poi tu non hai mai detto niente, quando i veri aggrediti erano altri! Non prendi mai una posizione!” Alessia replica: “Io non reagisco mai alle aggressioni!” E’ qui che Selvaggia stende la nemica con supremo stile: “E che ti devo dire, tu sei zen, sei il Dalai Lama!” La Fabiani sempre più stizzita, si alza e se ne va ribattendo: “Lo vedi che sei tu ad offendere! Mi hai dato del Dalai Lama!” Probabilmente ha confuso il Guru con l’animale che sputazza. GIORNO 42 UN PERNARELLA POCO CLEMENTE

Il Pernarella è il protagonista indiscusso della settimana. Prima fa piangere Selvaggia per l’affair-nutella (mannaggia a lui), criticando la Nostra per eccessivo abbuffamento: “Sai quando vedi i servizi sui bambini in Africa che muoiono di fame mentre sei a pranzo? Ecco uguale!” La risposta di una stupita ma sempre ironica Selvaggia è stata “Non credo che mangerò nutella oggi!” Poi l’ira dell’ex Santo si è scagliata su Noè Arca e consorte Biscarda, rei di vivere la loro love-story come in un qualsiasi Tempo delle Mele Cotogne (questo spiega la ragione per cui l’Arca dopo la lite canticchiasse “Voglio andare a vivere in campagna aha-aha”). Che sia stanco e abbia sfruttato l’occasione per farsi nominare dal Pascià Arca? Forse, ma le ultime news dal Marocco narrano di un Pernarella sempre più contrariato. Ieri è stato il turno di Alessia Fabiani, criticata da Clem Clem per la sua innata superficialità: “Sei vuota come er barattolo de nutella che si è pappato Selvaggia!” L’ex letterina non ha perso tempo ed è corsa a spiattellare tutto a mammà Kationa, divenuta magicamente amorevole dopo la vittoria sulla Leopolda. La metamorfosi del sergente Ricciarellen è tutta nel suo ultimo confessionale: “Come si permette Clemente di innalzarsi un piano sopra gli altri? Queste cose non si fanno! No no! Io non mi permetterei mai”. Per l’occasione ho già contattato il Trio Medusa. Matteo Pedrosi, il Selvaggio mail to: mattpedro81@hotmail.com Blog del Supplente Inserisci anche tu il bannerino Pro Selvaggia!

Pettegulezzus interruptus

Il Pettegulezzus interruptus di questa settimana è: “Dicono che uno stakanovista della tv, sposato e dallo strano timbro della voce, presti molte attenzioni a candide e ingenue fanciulle. Lui si che crea nuovi posti di lavoro. Dicono.” Pare che anche un suo popolare amichetto abbia la stessa mania. Matteo Pedrosi, il Selvaggio mail to: mattpedro81@hotmail.com Blog del Supplente Inserisci anche tu il bannerino Pro Selvaggia!

Un mercoledì da selvaggi

Stasera a partire dalle ore 21, torna il consueto appuntamento con la web-cronaca diretta de “La Fattoria”. Con me ci sarà l’ormai collaudato gruppo di opinionisti che ho risoprannominato “L’allegra combriccola” ( Egosconnesso, Fulvia Leopardi, Malaparte, Davide Maggio, Emigrate) Nell’attesa gustatevi il riassunto delle puntate precedenti. Non mancate! La webcronaca 21,30: Buonasera a tutti i web-lettori del blog. Mi sono perso qualcosa? Chiedo l’aiuto del pubblico & degli opinionisti. In studio si discute del rapporto tra Noè et Biscarda, taluni credono nella loro storia (tra questi anche Selvaggia ahahah), talaltri la reputano esclusivamente una questione di sesso (il resto delle donne + Tonon). Noè s’infervora con l’opinionista settecentesca Rita Levi Alberti perchè c’ha caldo e si vuol togliere la canotta quando gli pare, la D’Urso ghigna e scoppia di salute, ma anche di push-up. Signorini fa il finto tonto e crede nell’ammore, proprio lui. ahaha. Vabbè… Butto giu due spaghi e poi torno. 21,39: Stiamo per assistere ad un super momento trash. Interverrà in studio Manuela Arcuri, chiamata in causa da Signorini in seguito ad una paparazzata che la vede protagonista. Secondo il “giornalista rosa” Manuelona ce sta a riprovà con Coco inviando al calciatore messaggi subliminali come “Mi manca la tua spinta sulla sinistra!” e “Coco bello, coco fresco!”. La Lodo si sarebbe incacchiata e Mòntano è ancora all’oscuro di tutto (anche perchè sta mungendo una capra al buio). L’Arcuri nega ovviamente il return of flambè col terzino del Livorno (si, con lui…) 21, 52: Mastelloni promette all’Italia intera: “Mi rifarò mi rifarò mi rifarò!” Cambiera pusher? La Leopolda si confessa gelosamente morboso del cane e giustifica così la sua rabbia gratuita nei confronti di Selvaggina Nostra. Lei dice di apprezzare queste tipiche “pseudo scuse da minchione” ma sotto sotto c’è Impulse. Dalla tattica della caciara, la Leopolda è passata a quella del cane bastonato (chiamate il wwf!). 22, 06: Ricciarellen come Leopolda. Da sergente detestabile a cagnetta pechinese immacolata. La D’Urso chiede a Kationa se ci fa sentire due note di una canzuncella ma a casa mia salta il collegamento audio-video. Ma cosa dico a casa mia! Salta in tutta Italia!!! Sono bei momenti! L’avvocato dell’Arcuri dev’essere veramente potente! ahahah 22, 20: Torna l’elettricità ma per la canzuncella della Ricciarellona non ci sono speranze. Ma che peccatoooo! Non c’è tempo, è il momento di vedere se San Clemente è riuscito a sconfiggere Noè…. … ovviamente no. Quindi il pascià della settimana, scelto dall’ex nabbabba Fabiana, è l’Arca Perduto. Il predatore porterà con sè la gentil consorte Biscarda, mentre colei la quale finirà in nomination è la Topa Gigia Mattera. San Clemente salvo per il rotto della cuffia.

22,25: Il momento della verità: l’eliminato della settimana è la Leopolda!!!! In Kasbah tutti piangono come suini al macello tranne la Cavagna, impegnata a far la maglia per Orlandoballacche, a sua volta relegato in un angolino dello studio. Selvaggia si dice sorpresa e dispiaciuta per l’uscita del Mastelloni, la D’Urso con la solita puzzetta sotto il naso mette in dubbio le sue parole (conduttrice clamorosamente di parte) ma nemmeno stavolta cava un ragno dal buco. La Nostra risponde brillantemente dicendo che la Leopolda non è solo la checca isterica degli ultimi giorni, ma anche l’istrionico animatore che ballava col tutù. Fuori Mastelloni dunque: la vera notizia è che non ha bestemmiato. 22,50: Non ci voglio credere. Ditemi che la Petrarolo s’è dimenticata i pantaloni! Vestita come Madonna nel video di “Hung up” Pameluzza si rende protagonista di un balletto veramente trash. Scende la scalinata con la leggiadrìa di un muflone muschiato (conosco bene queste bestie) e saluta il fidanzato dando le chiappe al cameraman e all’Italia tutta. Altruista. Ma certe volte non serve. MOMENTO NOMINATION

- San Clemente nomina la furba Fabiani perchè la reputa più falsa del gronchi rosa che ho nel portafoglio. – Selvaggia pur apprezzando le scuse di Kationa, conferma la sua nomination per il lirico sergente della kasbah dimostrandosi coerente con le precedenti dichiarazioni. (al contrario di altri concorrenti, che dopo la vittoria sulla Leopolda, si sono convertiti e stanno già prenotandosi per lezioni di canto e dizione). – Il resto del gruppo invece nomina Mòntano come da richiesta dello stesso. Pare sia infortunato. Ma che senso ha farsi nominare per andarsene se tanto è il pubblico a decidere! Non era più decente far la valigia e partire? mah.. chissà quanto è alta la penale! MOMENTO PORTENTO Il pittoresco padre illegittimo di Tonon e fratello di Mughini balza dal terzo anello fino al centro dello studio con movenze feline. Il tutto per pubblicizzare il cd del Triccheballacche (poi dite che non ve l’avevo anticipato) e per mostrare la preparatissima gag in cui appare una D’Urso fintamente stupita ed un signore della produzione che lo porta via di forza. Strangolato. I nominati della settimana sono: Justine & Montano. LO SPIGOLO DEGLI OPINIONISTI EgoSconnesso: “la Petrarolo vestita come MADONNA nel video di Hang Up mi ha fatto salire un brivido su per la schiena. Vi prego, ha un sedere che in realtà è un accumulo di sostanze non identificate. Sembra una di quelle che fanno el cavie nella televendita di Pancia Stop.” Davide Maggio: “Mastelloni non dovrebbe essere da quelle parti ma a Casablanca”. Fulvia Leopardi: “Stasera esce la Ricciarelli”. Emigrate: “Barbara push up tra un pò scambia le tette con le tonsille, che smettano di urlare “oh-issa” quando la vestono..” Malaparte: “Compra anche tu la serie “Le Grandi Vittorie dell’Inter”. Dodici DVD vergini su cui puoi registrare quello che vuoi.” Grazie a tutti e forza Selvaggia!

Music Farm

Torno a casa giusto in tempo per ascoltare la sigla: prevedibilissima l’accoppiata Bocelli & Giorgia dei poveri, ovvero Safina Clooney e Jenny “Corrida” B. La cantantona si rende subito protagonista di varie stonature, forse per colpa del pessimo audio che c’è in studio, forse a causa della mano morta del George della lirica (e non dica di no). Conto molto sulla sua rapida ripresa perchè il potenziale c’è (ricordate “Un attimo ancora” dei Gemelli Diversi? Era di Jenny casomai). Safina Clooney invece dritto come un fuso, non fallisce l’approccio con la gara. Dal resto del gruppo emerge già la grinta di Laura Bono, che nonostante la pettinatura modello “scoppio ripetuto di pirotecnici fuochi artificiali” si candida come ragionevole erede di Dolcenera. Fa piacere anche vedere Alberto Fortis, sempre più sosia di mio padre (ma pettinato molto peggio, mio padre è piu selvaggio) e Leda Battisti, presentatasi per l’occasione con gli occhi di Totò Schillaci. Cominciamo proprio bene. COSA MI SONO PERSO Davide Maggio mi informa: Ti sei perso il Califfone che probabilmente sara’ stato colpito da un’attacco d’asma e non s’e’ capito bene cosa abbia cantato… IMPROPONIBILE. Per un attimo m’e’ sembrato di ritrovarmi in Fattoria tormentato dall’asma di Alvaro Vitali. INFO Per questa prima puntata del reality ho deciso di avvalermi di un’improvvisata giuria selvaggia, che per l’occasione sarà composta da: Davide Maggio (giudicherà le interpretazioni), Alex87 (valuterà l’impatto mediatico del cantante) e Lagoblu (si occuperà del look). LE ESIBIZIONI Spagna: Nonostante la febbre e le molteplici operazioni di chirurgia plastica l’Ivanona di “Easy Lady” (quelli eran giorni si!) canta “Almeno tu nell’universo” e se la cava piuttosto bene. Il popolo l’amerà per la sua innata semplicità. Candidata alla vittoria finale. Fa il compitino Voto 6 VOTI GIURIA: INTERPRETAZIONE 6-, LOOK 6,5 , IMPATTO MEDIATICO 6 Franco Califano: Il califfone canta “Vita spericolata”. Seee canta, diciamo che la interpreta a modo suo… talmente suo che la canzone diventa un’altra. Il testo è un optional, ma la giuria apprezza. A me sta particolarmente simpatico, mi piace il suo menefreghistico modo di mettersi sempre in gioco. E poi sono convinto che ci farà ammazzare dalle risate. Trascinatore. Voto 6,5 INTERPRETAZIONE 7, LOOK 4, IMPATTO MEDIATICO 8 Jenny Corrida: Vestita come una bomboniera, l’ex cantante del sabato sera italiano, interpreta un brano di Geri Halliwell con tutto il fiato che ha in corpo, airbag compresi, manco stesse facendo una spirometria. Si propone come custodia ufficiale dell’ex Spice. Direi che si è ripresa nettamente rispetto al turbolento inizio. Strabordante. Voto 6,5 INTERPRETAZIONE 6,5, LOOK 4, IMPATTO MEDIATICO 7

Alberto “Papà” Fortis: canta una canzone di Luigi Tenco. La fa sua a tutti gli effetti (vedi Califfo), gironzolando sul palco come nemmeno Freddy Mercury ai tempi d’oro. Fegiz gli da un bel 10, a conferma che apprezza qualsiasi interpretazione che si differenzi dall’originale. Credo che amerebbe persino la mia versione di “Grazie dei fior” con la chitarra elettrica. Impavido Voto 6. INTERPRETAZIONE , LOOK 5,5 , IMPATTO MEDIATICO 6 Viola o Rossa Valentino: Non so perchè ma mi ricorda la Zanicchi con qualche kilo di meno. Ok il prezzo sarà anche giusto, ma una che mi canta “Comprami” da vent’anni e poi rispunta dal nulla… Più che sul viale del tramonto, qua mi sembra già notte fonda. La giuria del reality la distrugge, la mia è molto più benevola. Spacciata. Voto 5. INTERPRETAZIONE 7, LOOK 5,5 , IMPATTO MEDIATICO 6,5 Silvia Mezzanotte Meno Venti: l’ho persa completamente. I miei giurati però ne sembrano entusiasti. L’ex Matia debutta da solista dopo aver abbandonato il Bazar. Avrà fatto bene? Ardimentosa. INTERPRETAZIONE 6+, LOOK 6- , IMPATTO MEDIATICO 9 Massimo Di Cataldo: la scelta del brano è evidentemente ardua. I giurati del programma non gradiscono la rivisitazione di un brano come “Futura” da un ex idolo delle teenager. E per il solito meccanismo dell’etichettizzazione gratutita verrà clamorosamente sbattuto in fondo alla classifica. Io invece vado contro corrente perchè ne ho sentite di peggio nella vita. Temerario. Voto 6. INTERPRETAZIONE 5, LOOK 0, IMPATTO MEDIATICO np Safina Clunei: l’ultima volta che lo vidi eravamo in coda ad un bancomat. Mi disse che in pentola stavano bollendo belle cose, nella mia ora invece sta bollendo la pasta. Mangio con sottofondo il canto di Safina, mi viene il singhiozzo ma resisto. L’avrei apprezzato maggiormente in una “Roma capoccia” o in una “Tu vuò fà l’americano”. Il tenore che canta da tenore è scontato e nei reality lo scontato non paga. Bancomattoso. Voto 5 INTERPRETAZIONE 7, LOOK np, IMPATTO MEDIATICO np Laura Bono in Nannini: Troppo poco originale per la banda Fegiz. Valutazione scontata. Ma a me questo “metro e cinquanta di deflagrazione” piace molto. Farà strada la ragazzina, se non altro quella per tornare a casa. Vuoi che non ci torni almeno a Natale? Gagliarda. Voto 7 INTERPRETAZIONE 7+, LOOK np, IMPATTO MEDIATICO np

Leda cugina di Lucio: mi piace questa versione suggestiva di “Besame mucho”. Alla Bertè no. La ragazza non è mai riuscita a sfondare, nonostante sia sulla breccia da più di dieci anni. La ricordo in un vecchio Sanremo vestita da danzatrice del ventre…. Eccentrica. Voto 7 INTERPRETAZIONE 8, LOOK np, IMPATTO MEDIATICO np L’ANGOLO DELLA RISSA A metà serata Valentino Viola si scaglia contro Bertè Loredana dopo un giudizio poco galante della mesciata opinionista del reality. Viola ribatte chiedendole che c’è andata a fà a Santo Remo (“hai cantato o soffiato?”), poi la chiama “Amore”, ricordando i bei tempi in cui s’abbuffavan di gelati al cremino nella sua casa di Via del Campo (oddio, ma che gente frequentava De Andrè?). La Bertè scosciata, nega spudoratamente di conoscere “questa signora”, la quale minaccia già di andarsene. Royal rumble totale. Anche questo è Reality. LA SFIDA DELLA SERATA Pago vs Simone Patrizi. Informo la nazione che questo blog si schiera nettamente dalla parte del secondo, perchè non ci si può fidare di uno che si chiama Pacifico Settembre, specie perchè siamo a Marzo e secondo perchè non mi piace chi sbandiera cosi facilmente la propria personalità… anch’io sono pacifico ma mica vado in giro a dirlo. E poi anche il nome d’arte “Pago” impone una certa diffidenza, mi sembra il classico tipo che lascia il conto sul tavolo… Pago inizia col suo cavallo di battaglia “Parlo di te”. Non so cosa gli sia accaduto negli ultimi duecentotrentacinque giorni, ma la voce sembra cambiata, è più uterina del solito. Sarà una mia impressione ma dal vivo rende molto meno. Prosegue l’esecuzione con l’ardua “Ancora” di Edoardo De Crescenzo, ma pur cavandosela meglio di prima, scopiazza troppo lo stile dell’interprete originale. Fegiz gli darebbe un bel 4,5, io 5+. Fornaciaro. Simone Patrizi va nettamente “Più su” con l’interpretazione della canzone di Renato Zero. Sarà che la canzone mi piace particolarmente, sarà che adoro la Jamaica, ma io farei vincere questo giovane rastamanno. Ma in base a cosa li hanno messi in sfida questi due? Mah, misteri della televisione. Voto 6,5 Promessa. ULTIME CHICCHE Il reietto della settimana è Massimo Di Cataldo. Non chiedetemi che deve fare, non ne ho la minima idea. Califano ci prova continuamente con la Ventura chiedendole di sbottonarsi la gonna. Leda Battisti è sorprendentemente prima in classifica. Ah, ovviamente la sfida è stata vinta dal succo di frutta d’uomo, Pago. Matteo Pedrosi, il Supplente Selvaggio mail to: mattpedro81@hotmail.com Blog del Supplente

Fattoria: La settimana

GIORNO 35 I TRE STRIZZAZINNE E LA CAPRA PAPPALARDA

La missione della settimana consta nella produzione di burro e formaggio. Protagonisti della mungitura delle capre e delle pecore sono Selvaggia, San Clemente e la Cavagnona. La Nostra ha deciso di strafare e ha promesso che riuscirà a produrre anche della fresca ricotta, a patto che “la capra con la voce del suocero” la smetta di urlarle quel fastidiosissimo “bèèèèèèè” nelle orecchie (il che mi fa tornare alla mente qualcosa, vedi foto). I tre strizzazinne improvvisati spezzano il ritmo con dei panozzi caserecci e chiaccherano amabilmente dei loro compagni d’avventura. Il più bersagliato dalle critiche dei tre è il Mastelloni, reo d’esser diventato più che insopportabile: secondo Selvaggia la Leopolda sta tentando “la tattica della caciara” ovvero la teoria da reality che favorisce il casinista rispetto all’indifferente. Sembrano essere d’accordo con loro anche Alessia “Letterina Raccomandata” Fabiani e Aldo Mòntano, il cui taglio di capelli lo sta rendendo sempre più simile a Sandokan. L’ex letterina trova anche il tempo per discutere con Jennipher, a causa di zucchine già infarinate da tanto tempo. Dopo la pillola del giorno dopo, pare che “la zucchina del giorno prima” sia un altro elemento sconosciuto per la Rodriguez. La puntata si chiude con l’annuncio della sfida settimanale: nominati Noè Arca & San Clemente. Una sfida che il simpatico Pernarella sente in particolar modo e che richiederà l’aiuto del personal trainer Selvaggia. Forza San Clemente! GIORNO 34 IL SERGENTE RICCIARELLEN FA DIETROFRONT (Report dell’inviata speciale Emigrate) La sera io non vengo invitata nei locali di Milano per fare l’ospite e abbordare schedine.. ma faccio tardi lo stesso, quindi quella perla di strisciolina della fattoria non posso perderla, mentre mi pigiamo (sarà mica autocelebrazione dire che mi metto il pigiama!?!) e mi metto nel lettuccio. Ieri non l’ho guardata tutta con attenzione ma la cara Kationa, detta da qualcuno il generale Ricciarellen, ha abbassato la crestina ed è andata a scusarsi con Selvaggia. Ha ammesso di essere stata pesante e che non avrebbe dovuto chiamarla madre snaturata, ha detto di averlo fatto solo per il nervosismo e la tensione. Selvaggia le ha fatto notare che oltre a questo, lei soffri di una misoginia profonda!! La spiegazione del sergente è stata: mi manca la figura maschile, i maschietti li vedo come un padre..dopo un minuto però, forse facendo un po’ i conti, ha detto che Alduccio e Franceschino li vede più come figli…e i figli so piezz’ e core… Selvaggia era abbastanza contenta di aver visto Katia abbassarsi e scusarsi, prostrarsi ai suoi piedini davanti ad una Alessia Fabiani che assisteva allo spettacolo con un sorrisetto malizioso!! Mi vergogno molto a dirlo, ma la Fabianella non mi sta risultando granchè stronza e antipatica. A conti fatti visto che della striscia ricordo solo questo sarebbe meglio farmi invitare all’ Hollywood… GIORNO 33 IMPROVVISA VITALI-TA’ Alvaro Vitali fuori la Fattoria Parlando della Ricciarelli afferma:“Katia odia le donne giovani e belle. Chiede il rispetto ma è la prima a non portarlo, e pretenderlo per i meriti artistici è ancora più scorretto Alvaro Vitali dentro la Fattoria Durante la decisione di chi mandare in nomination tra Mastelloni e la Nostra:Ho troppo rispetto per la carriera del Maestro, quindi nomino Selvaggia”

Il Pierino asmatico ha parlato anche di Barbara D’Urso: “Non è una conduttrice e non sa comunicare, non ha i tempi televisivi e non porta a termine i discorsi. Ecco perché il pubblico si stanca. Io cerco di fare delle gag ma lei non è in grado di sottolinearle”. Non per difendere la D’Urso eh… ma di quali gag parla? E promette vendetta: “La prossima puntata cercherò di svegliarla, con delle battute su di lei”. Non so voi, non so Barbara, ma io me la sto già facendo sotto. Inserisci anche tu il bannerino Pro Selvaggia! Matteo Pedrosi, il Selvaggio mail to: mattpedro81@hotmail.com Blog del Supplente

Qui non è Hollywood

ORE 6,10 MILANO. Mi sembra di sentirvi… vi starete chiedendo “Ue che ci fa il Pedrosi in piedi alle 6? Cascato dal letto? Un’improvvisa botta di caghetta?” Nulla di tutto ciò. Sono solo tornato da pochi minuti da un vip-party, con tanto di brioches alla nutella da consumare con il prode Gavatta, compagno di Radio Playa e all’occorrenza anche di feste mondane. Mentre ci accingiamo ad azzannare le briochine vi scriviamo, col chiaro ed inspiegabile intento di raccontarvi la seratona trascorsa all’Hollywood di Milano (ma anche e soprattutto perchè Selvaggia adora le mie disavventure nel chimerico mondo dello spettacolo). La trash-cronaca Per farvi capire il genere di party iniziamo col darvi le formazioni delle due squadre (gli ospiti della serata): Per gli uomini Vips (in rigoroso ordine di popolarità): Bobo Vieri, Bernardo Corradi, Dj Francesco, Patrick Ray Pugliese, Luca Dorigo, Fabio Avena, Matteo Pedrosi, Emiglio Gavatta, Marco Bianca. Per le donne Vips (stesso ordine): Aida Yespica, Melissa Satta, Francesca Lodo, Sara Tommasi, Elena Bonzanni, Patrizia Griffini, Annalisa Micchetti, Karina, Amalia, Floriana (queste ultime quattro provenienti da “Uomini e Donne”).

Giungiamo all’Hollywood con consueto ritardo, con tre quarti di formazione già scesa in campo. Sulle fasce spingono l’amicone Patrick, in cerca di una preda dopo la recente separazione dalla fidanzata e l’amico Fabio ex tronista neo laureato, più in cerca di coca&rum che di altro. A centrocampo spunta quel birbone del figlio dei Pooh con la pseudo-fidanzata (maddechè?)Aida, come al solito scatenata. Sedute, ma non in panchina, le belle della situation: Melissa e Francesca, come consuetudine le più ambite della folla, ma del tutto intoccabili stile porcellana di Murano (non fate battute cambiando vocali). Ed eccoli lì i modelli-dj ad infoltire la metà campo con le loro coreografie pesantemente condizionate dal Sambuca Molinari, ma soprattutto dalla pizza non digerita di qualche ora prima. Pur di festeggiare, l’allegra combriccola brinda a qualsiasi cosa. Sembriamo tutti vecchi amici, radunati come ad un’adolescente festa delle Medie, consapevoli che questi party sono spudorate sagre dell’ipocrisia. Incuranti di tutto ciò balliamo per minuti e minuti, manco stessimo al compleanno di Heather Parisi… Patrick sale sul cubo e si dimena come uno Steve Lachance d’annata, Emiglio dialoga con una modella ungherese (per me era napoletana, l’ho sentita esclamare più volte “pummarola angoppa!” ma non diteglielo), Corradi attacca la Lodo ed io, Fabio e Marco… diciamo che cerchiamo di far 13…ahahah. Qui solo i lettori più scaltri possono capire. Il nostro tavolo, dopo pochi istanti, è letteralmente preso d’assalto da chiunque: telefonini fotografici, braccia da autografare e baci da recapitare. Dopo due ore di ammucchiata me ne vado con la classicissima scusa della sigaretta (Grazie Sirchia!), perdendomi il gran finale della serata (solitamente il dj del privee lancia brani come “su di noi” di Pupo o “Pedro Pedro Pedro” della Carrà”) Peccato, lo so. Ma ero esausto. Ora si son fatte le 6,30, la colazione è finita, il Gavatta è cotto come un Rovagnati affettato ed io poco meno. Me ne tornerò a casa, dove finalmente me ne andrò a dormire (prima però dovrò ricordarmi di pubblicare questo post). Che faticaccia! Lo so, è uno sporco lavoro, ma qualcuno lo deve fare ;) Buonanotte, Matteo Inserisci anche tu il bannerino Pro Selvaggia! Matteo Pedrosi, il Selvaggio mail to: mattpedro81@hotmail.com Blog del Supplente

Elisa di Rimborsosa

IL PORNO RIMBORSO

Credo di aver lanciato una pericolosa moda: un mesetto fa, come ben ricorderete, proposi di rimborsare con pagamento in natura tutte coloro che avevano televotato RANDY e non RANDI (Ingerman) nella sfida contro Selvaggia. Oggi giunge la notizia che Stefania Nobile farà un film porno. Non è che la figlia della Wanna nazionale (e non ce ne vantiamo di certo) abbia avuto la mia stessa idea? Starà forse cercando un escamotage per scontare i tredici anni di carcere stabiliti dal tribunale? Ad aprirle le porte della nuova carriera chi poteva essere se non Riccardo Schicchi?! Colui che lanciò gente come Moana Pozzi, Cicciolina ed Eva Henger è pronto a dare la sua “benedizione” proponendola in un film ad alto contenuto erotico, nel quale la Nobile interpreterà un’eroina moderna, dicheno. Io l’avrei vista meglio nei panni di un direttore di carcere sadomaso, preferisco i film horror. IL BURINO RIMBORSO Scene di panico nella casa più spiata d’Italia: per un bislacco meccanismo del gioco, che ora non vi sto a riepilogare, tre concorrenti (Man Lò, Filippo e Simona) si trovano costretti a decidere chi cacciare dal gioco tra Fabiano detto Fefè ed Augusto detto Augusto. Man Lò nomina Fefè, Filippo si affida alla sorte con una monetina mai vista e sceglie Augusto, Simona con la voce di Yoghi o Bubu (me li confondo sempre) nomina il ciociaro. In teoria, Fefè sarebbe stato eliminato dal gioco, ma per merito o colpa della pazzoide cinese, protagonista di un pianto insopportabile e di un meraviglioso dietrofront ai danni del De Megni, il ciociaro è riuscito a rientrare nella casa a furor di popolo.

Come rimborso l’entità chiamata Grande Fratello ha chiesto ed ottenuto ben centomila euro. Alla faccia dell’amicizia! E mentre gli inquilini si “godono” il rientro del concorrente più burino della storia del reality, il sig. Grande Fratello incassa i soldi e se ne va in vacanza fino a giovedì prossimo. Ma c’era proprio bisogno di tutto ciò? p.s.- Una curiosità: durante un collegamento con Marco Liorni, la telecamera riprende uno striscione con scritto “Con Augusto, c’è più gusto“. Sopra lo striscione vengono intervistate dieci persone a cui il giornalista chiede: “Chi vorresti che vincesse il GF?” Nessuno di loro ha risposto Augusto. Ora io mi chiedo, chi l’ha messo quello striscione? Non sarà mica stato il sig. Grande Fratello? Forse Minoli? Mah. Inserisci anche tu il bannerino Pro Selvaggia! Matteo Pedrosi, il Selvaggio mail to: mattpedro81@hotmail.com Blog del Supplente