Navigate / search

pina opinionista

Pur dissociandomi dallo stile assolutamente trash della casalinga opinionista sora pina , ormai, per una questione affettiva, devo riportarvi i suoi ultimi commenti sulla sfida televisiva del sabato sera che ha pubblicato dagospia: Cari teleascoltatori del sito del signor dagospia , benvenuti nella rùbbrica della Sora Pina. Mi presento che intanto è educazione e poi perchè vojo dì, non è che mi metto a fa’ la opinionista dall’oggi ar domani, ho un certo cuniculum alle spalle che oggi tutti si improvvisano opinionisti ma di gente preparata come me e Cristiano Malgioglio ce ne stanno pochi. Allora:dopo la laura in economia domestica mi occupo per due anni della rùbbrica su Manidifata “Spicciare oggi” . Per cinque anni faccio la presentatrice Avon , poi me so’ stufata che l’amiche mie me venivano a casa, nun portavino manco un gabarè di paste e nun compravino gnente. Nel ’99 sto nel pubblico di Uomini a donne, ero quella che stava sempre seduta dietro a Lady Chioccia , che è una signora tanto raffinata quella donna e che ve lo dico in confidenza, il successo non l’ha cambiata e è rimasta tanto semplice. Nel 2001 mentre che stavo a fa’ un trenino a Buona domenica so’ stata tamponata dalla grafologa Mirka Cesari e mentre che stavo per terra un sanbernardo che stava lì co’ la Bonaccorti me s’è infrociato addosso. Siccome che a l’età mia se sa, la prima cosa è il femore, so’ stata appunto tre mesi in clinica , così ho deciso de lascià il mondo dello spettacolo e ora mi dedico alla famiglia, alla casa e soprattutto ai telequiz: ve dico solo che c’ho più vasi cinesi io della dinastia Ming. Allora, oggi ve vorrei da parlà de la sfida der sabbato sera tra Claudio Amendola che lasciatemelo dì io c’ho una certa età ma a me ancora me fa sangue quer ragazzo, e “la corida” che è lo scio’ che scopre tanti talenti nascosti e porta tanta allegria nelle case. Che ve lo vojo da dì co’ un certo orgoglio, quer signore in canottiera che faceva le scuregge co’ l’ascelle era un mio cuggino de secondo grado e non per niente, siccome che il talento è de famija, mio figlio a sette riesce già a fa’ l’Aida con i rutti e se continua così il prossimo anno lo iscriviamo che certi talenti nun vanno sciupati . Che poi dovete da sapè che una vorta io e mi marito volevamo anda’ alla Corida a fa’ il pubblico votante, solo che all’ingresso cianno bloccato perchè mi marito che è cacciatore pe’ fa più caciara s’era portato il fucile da caccia, il richiamo da quaglie e pure Laika il setter irlandese, e anche se j’ha detto che la cartuccera era caricata a salve, non cianno fatto entrà. Allora c’è annata mi fija e s’è nascosta du’ fischioni avanzati da capodanno in tasca che quanno l’ha tirati sul palco, ar maestro Pregadio gli è partito un timpano . Devo da esse sincera , il programma di Amendola non è altrettanto fino, però è giusto che ci stanno i programmi pure pe’ quelli che il sabbato sera so’ stanchi che hanno lavorato tutta la settimana. Vabbè, ora devo da scappà che a ‘st’ora a Sarabanda ce sta la sfida tra l’omo tigre e l’omo gatto e col videoreggistratore sto già a reggistrà uno speciale su Angela Melillo e il suo calendario , che nun è quello de frate indovino ma quello che bisogna da indovinà se s’è messa le mutande. Tante care cose a tutti. La sora Pina Ah, siccome che so’ che il dottor dagospia lo leggono pure gente importante e magari il signor Cavaliere passa di qui e mi legge, ecco, je vorrei da dì se come polizziotto de quartiere qui al prenestino ce potrebbe mandà Pasquale Africano di Forum. D’istinti saluti. Pina http://213.215.144.81/public_html/articolo_index_6058.html (dagospia.com)

succede anche questo

Mai lasciare incustoditi e vicini telecomando e telefono cellulare se c’è mio padre non sorvegliato sul divano.Ieri nel tentativo di cambiare canale ha effettuato dal mio Nokia sei chiamate intercontinentali ed ora premendo il tasto cinque del telecomando parte la suoneria di Asereje’.

Intanto…

Grazie al mitico Gianluca Neri che ha scritto un articolo sul mio drammatico appello nel suo interessantissimo blog. E grazie a massimo bernardi per il suo blog-articolo. D’agostino ha pubblicato il mio appello. Grazie!Vorrei tranquillizzare la gran quantità di persone premurose che mi hanno scritto al riguardo. Nel rendere pubblico il mio numero di conto corrente non corro nessun pericolo. L’unica truffa possibile sul mio conto è che mi versino denaro provenienteda traffici illeciti. Per il resto il mio direttore di banca mi chiama all’istante ogni volta chevado sotto di qualche centesimo di euro,a forza di chiamarmiha ritenuto conveniente disdire quello con la moglie e fare lo “you and me”col mio numero di cellulare.:) Insomma, sta succedendo che prima ero un’attrice fallita ma almeno non lo sapeva nessuno, ora la mia impopolarità comincia ad essere popolare, mica lo so cos’era meglio. 🙂 Mo’ giuro che la smetto con tutte queste autocelebrazioni e torno la sfigattrice di sempre.